Usa, ammessi ragazzi gay nei Boy Scout

E’ una notizia che rappresenta per certi versi una vera e propria svolta negli Stati Uniti D’America dove non erano ammessi  adulti gay a ricoprire ruoli di guida. Ma oggi la situazione è davvero cambiata, infatti, i ragazzi apertamente gay potranno fare gli scout. Dopo anni di dibattito, il movimento dei Boy Scout d’America (Bsa) ha preso la decisione di eliminare il bando che finora impediva a chi era apertamente omosessuale di farne parte. Una decisione difficile, presa dai circa 1.400 delegati riuniti nel loro Congresso nazionale di Grapevine, in Texas. Il testo della riforma epocale, spinta con forza anche da Barack Obama, mantiene comunque il divieto riguardo alle persone omosessuali adulte che volessero essere i leader dell’organizzazione. Ai tanti sì però, che hanno permesso questa rivoluzione, si sono contrapposti tanti no che fa prevedere il rischio di uno strappo interno all’organizzazione: alcuni gruppi anche prima del voto avevano già fatto sapere che avrebbero lasciato la struttura in caso di via libera ai ragazzi gay; altri invece avevano chiesto che si aprissero le porte anche agli adulti omosessuali. A giocare un ruolo chiave i gruppi religiosi, visto che almeno il 70% degli Scout d’America sono sovvenzionati da organizzazioni di questa natura. Alla vigilia del voto il capo della Southern Baptist Church, Frank Page, aveva chiesto di non cambiare le regole e mantenere il bando ai gay. Di contro la Church of The Jesus Christ Latter-day Saints, il partner più grande degli Scout Usa, aveva tacitamente dato il suo via libera al piano. Quanto al National Catholic Council on Scouting, non ha aveva assunto alcuna posizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com