‘Unioni civili’, M5S boccia canguro in Aula. Il voto slitta…

Tutto rinviato a mercoledì in Senato dopo il no al canguro sulle ‘Unioni Civili’ da parte del Movimento 5 Stelle, mossa che viene pesantemente criticata dal Partito democratico. Dal M5S c’è stato un voltafaccia assoluto che mette a rischio elevatissimo la legge sulle unioni civili, afferma il capogruppo Pd, Luigi Zanda sottolineando come, nonostante la partenza complessa, la legge abbia buone chance per essere approvata. Faremo, dice, il possibile e anche un po’ di impossibile per l’ok al testo. C’è da sottolineare che è un vero e proprio psicodramma quello che va in scena nell’Aula di Palazzo Madama con il M5s che, dopo un pomeriggio di silenzio, sbatte in faccia al Pd il proprio no all’emendamento premissivo Marcucci sul quale già si era eretta la trincea di Ap, Fi e della Lega. Per l’iter del ddl è un macigno, tanto che al Pd non resta che accogliere la richiesta di sospensione dei lavori avanzata da Sel e giocarsi le ultime carte per una trattativa al fotofinish nella notte. Ma la mossa del M5s rende più impervia una strada che era già significativamente impervia, ammette il ministro della Giustizia Andrea Orlando. Nel Pd, nel frattempo, emerge la furiosa reazione contro i grillini. Il loro è stato un voltafaccia gravissimo che mette a rischio elevatissimo una legge sulla tutela dei diritti di una minoranza del Paese, tuona il capogruppo Dem Luigi Zanda, assicurando che la legge, comunque, ha buone chance di farcela. Secca arriva la replica del Movimento: ‘Il Pd non scarichi le responsabilità, il nostro voto sul ddl continua ad esserci ma nel rispetto del dibattito parlamentare’. A questo punto il Pd ha poche ore per trovare una via d’uscita. Lo stesso Marcucci fa sapere come il suo emendamento premissivo resti ma, per blindarlo, servirà trovare un accordo interno con i Cattodem, contrari al canguro a meno che non sia spacchettato e cercare, allo stesso tempo, nuovi contatti con il M5s. E, tra le ipotesi, neppure quella dello stralcio della stepchild può essere esclusa. In tal caso, infatti, si ricompatterebbe il Pd trovando anche un significativo punto di contatto con Ap. Per scoraggiare l’utilizzo dell’utero in affitto il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha proposto di introdurre una sanzione penale, ribadendo di essere contraria alla ‘stepchild adoption’, poiché favorisce la pratica dell’utero in affitto: ‘Da questa empasse se ne esce in due modi. O con lo stralcio dell’articolo 5, quello sulle adozioni, pensando per esempio ad un istituto ad hoc per le adozioni speciali, oppure in un modo molto forte e duro. Vale a dire dichiarando la pratica dell’utero in affitto reato universale perseguendolo anche se fatto all’estero con una sanzione penale. Oltre alla sanzione penale, si può impedire l’adozione da parte del convivente del bambino concepito con l’utero in affitto. Se si seguirà questa linea per le nuove nascite si scoraggia certamente l’utilizzo di questa pratica’. La giornata non era iniziata nel migliore dei modi. La riunione richiesta da Ap martedì mattina per trovare un’intesa tra Pd, Lega e Fi sul ritiro degli emendamenti e terminata in un nuovo e definitivo nulla di fatto, con il Pd fermo nella volontà di mantenere il canguro a prima firma di Andrea Marcucci, a fronte degli emendamenti premissivi lasciati dalla Lega dopo l’annunciati taglio delle sue 4.500 proposte di modifiche. ‘La parole del Pd vale quanto un peto’, sbotta il capogruppo del Carroccio Gian Marco Centinaio che poi, in Aula, sfida direttamente il Pd a ritirare il canguro contestualmente ai 4.500 emendamenti leghisti. Ma sul ‘canguro’ che blinda il contestato principio della ‘stepchild adoption’, ex articolo 5,   si addensano anche le nubi Cattodem: ‘Ci sia la votazione per parti separate, siamo contrari al fatto che una legge non discussa in commissione non sia discussa anche in Aula’, avverte la senatrice Rosa Maria Di Giorgi contando sul fatto che, in Aula, i centristi avrebbero certamente richiesto lo spacchettamento dell’emendamento in due parti: ‘Una prima sui diritti/doveri delle unioni civili e una seconda sull’adozione speciale, la cui approvazione a voto segreto è tutt’altro che sicura. Richiesta, quella Cattodem, che il Pd non accoglie scegliendo di andare in Aula senza spacchettare il canguro’. In una riunione tesa, il M5s decide di non scoprire le sue carte, optando per farlo solo nel tardo pomeriggio, in Aula, quando Alberto Airola, annuncia: ‘Non posso costringere il mio gruppo a votare il canguro’. In Aula è il caos. La capogruppo del Misto Loredana De Petris chiede la sospensione della legge per evitare che si vada subito a un voto funesto sull’emendamento-canguro. La richiesta viene accolta con 155 sì, 141 no e 3 astenuti. Il Pd vota compatto a favore e decisivo risulta l’aiuto dei verdiniani mentre il M5S vota no. Per il Pd già quella creatasi sul rinvio dei lavori a mercoledì mattina è una maggioranza su cui si può contare. Una maggioranza, pero’, che in caso di voto sul canguro deve fare i conti con il fronte Cattodem, il vero ‘ago’ della bilancia della conta in Aula. Oggi si ricomincia, perché prosegue infatti a partire dalle 9:30 al Senato la discussione in Aula dei disegni di legge in materia di unioni civili (ddl 2081 e connessi).

Cocis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com