“Un fondo per la dismissione dei beni pubblici”: la proposta salva-spread del Pdl

Dopo la compensazione debiti-crediti tra cittadini e P.A. e l’Iva per cassa, arriva in casa Pdl la nuova proposta salva spread. Creare un fondo tramite la dismissione dei beni patrimoniali pubblici per finanziare lo sviluppo del Paese.

“I cittadini hanno già dato, le imprese hanno già dato, chi dovrà dimagrire sarà lo Stato”. Non ha dubbi Angelino Alfano. Per uscire dalla crisi bisogna recuperare risorse. In che modo? Il segretario del Pdl lo dice a chiare lettere:“La nostra alternativa per finanziare lo sviluppo del Paese è la creazione di un fondo per la dismissione dei beni pubblici”.

La manovra del Pdl, per il segretario del partito, rimuoverà dallo stallo l’economia italiana. L’operazione ha un valore complessivo previsto pari a 400 miliardi di euro con la riduzione di un punto in meno di pressione fiscale all’anno in cinque anni”. L’idea di fondo del Pdl è dunque quella di “valorizzare i beni pubblici, dismettendo le proprietà dello Stato”. “Attraverso il fondo –ribadisce Alfano- aumenterà la capacità di investimenti per un abbattimento del debito pubblico, al di sotto del 100%”.

Il Pdl riuscirà così laddove Monti ha toppato. “Meno debito equivale a meno interessi, con un rating più basso e quindi una diminuzione dello spread. Uno schema, in sostanza, non da bravi scienziati, ma da bravi padri famiglia”.

Circa admin

Riprova

Mario Draghi alla Nato molto gradito a Giorgia Meloni

Spingere Mario Draghi alla Nato per ricevere in cambio un “aiutino” in Europa. È il piano che Alberto Maggi …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com