Ue: Nessun piano segreto anticrisi. Cina: La Grecia uscirà dall’euro

“Non ci sono piani segreti sulla ristrutturazione dell’Unione Europea o sul salvataggio dell’euro”. La portavoce della Commissione europea, Pia Ahrenkilde, smentisce quanto scritto ieri dal settimanale tedesco ‘Welt am Sonntag’, secondo cui i vertici di Ue, Bce ed Eurogruppo starebbero lavorando ad un piano segreto per salvare l’Europa. La linea dell’Europa resta sempre la stessa: rafforzare l’Unione economica e monetaria e la governante di eurolandia. Altre strade, almeno nelle dichiarazioni ufficiali, non sono percorribili. Insomma si continua sulla linea uscita dal vertice informale del 23 maggio scorso quando i leader dei 27 hanno diedro mandato al presidente della Commissione europea Jose Manuel Durao Barroso ed al presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy, in collaborazione con il presidente della Bce Mario Draghi e con il presidente dell’Eurogruppo Jean-Claude Juncker, di “approfondire il lavoro” per rafforzare l’Unione. “Non ci sono master plan segreti”, ma l’obiettivo, ha spiegato, è “di mettere in piedi un piano di lavoro, un metodo di lavoro sui settori prioritari su cui intensificare il lavoro per approfondire l’Uem e rafforzare la governance economica”. Questo, ha sottolineato la portavoce, comprende “nuove proposte che si aggiungono all’insieme di strumenti già mobilitati, a tutte le tappe molto importanti già compiute (il Fiscal Compact, il ‘two-pack’, l’Esm) per rafforzare l’Uem e per arrivare ad un’integrazione economica che possa essere dello stesso livello di quella monetaria”.

Ma a questa tranquillità europea sulla tenuta di Eurolandia non crede Pechino. Il governo cinese ha dato mandato alle principali agenzie statali, compresa la banca centrale, affinché preparino, come riferiscono alla Reuters fonti ben informate, “urgentemente” dei piani di contingenza in vista di un’eventuale uscita della Grecia dall’euro. Altro che tenuta dell’euro, come ha detto la portavoce della Commissione europea. I piani di Pechino dovrebbero comprendere misure per evitare fluttuazioni dello yuan, maggiori controlli sui flussi di capitale transfrontalieri e politiche per stabilizzare il mercato interno.

Circa Piera Toppi

Riprova

Verso Efpa Meeting 2022

Si avvicina a grandi passi l’appuntamento con l’Efpa Meeting 2022, previsto il 6 e 7 …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com