Ucraina: crollano le borse

Colloquio telefonico tra il premier russo Medvedev e il vicepresidente Usa Joe Biden sull’Ucraina. La portavoce di Medvedev,  Natalia Timakova, ha precisato che la parte americana non ha sollevato le questioni relative alle sanzioni economiche e allo svolgimento del G8 di Sochi. La Casa Bianca riferisce che il vicepresidente Usa ha esortato Medvedev a “ritirare le sue forze, sostenendo il dispiegamento immediato di osservatori internazionali in Ucraina e avviare un dialogo politico significativo con il governo ucraino”. D’altro canto il team di ispettori del Fondo Monetario Internazionale sarà a Kiev dal 4 al 14 marzo. Gli ispettori ”valuteranno la situazione economica e discuteranno le riforme che potrebbero essere la base per un programma di assistenza del Fmi”. I ministri delle Finanze e dell’Economia del G7 avevano promesso sostegno all’Ucraina, per “mobilizzare rapidamente assistenza tecnica per affrontare le sfide macroeconomiche”. Milano cade per la crisi tra Russia e Ucraina e chiude la seduta in profondo rosso: il Ftse Mib ha ceduto il 3,34% a 19.759 punti, abbandonando quota 20.000. Crollo verticale invece a Mosca dove l’indice Micex chiude in calo del 10,8% a 1.288,81 punti sui timori di un’escalation della crisi. E sugli effetti che potrebbe avere una guerra sull’economia europea è arrivato anche il monito del governatore della Bce Mario Draghi: “I legami strettamente finanziari Ue-Ucraina sono limitati” ma “dovremmo guardare alla situazione ucraina con grande attenzione, consapevoli che non c’è solo l’aspetto strettamente finanziario ma una questione geopolitica più ampia che può avere un impatto economico”, da detto Draghi al Parlamento Ue.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com