Tutti ai piedi del Sassuolo?

 

Finora è il Sassuolo la squadra dominatrice della cadetteria. Ed è già in fuga con sei punti di vantaggio rispetto al Livorno che, a differenza dei neroverdi, si prende qualche pausa di troppo. Irrefrenabili invece gli uomini di Di Francesco che prevalgono contro tutti e, solo il Vicenza è riuscito a strappare un punto contro questa corazzata. Per il resto, non hanno mai steccato gli emiliani che già hanno innestato la marcia giusta per centrare la promozione, dopo lo smacco dello scorso anno. In questa stagione, già dall’inizio sono state messe le cose in chiaro, c’è il Sassuolo prima di tutte, ci si chiede se fino all’ultimo si potrà continuare a viaggiare su questi ritmi, sta di fatto che finora il ruggito ha terrificato tutta la categoria. L’avversario di questo turno sarà il Varese che, partito tenendo il passo proprio dei propri avversari, poi si è dovuto arrendere perdendo diversi colpi. E la squadra di Castori, al momento, si trova a tre punti dalla seconda piazza, c’è stato qualche passo falso di troppo e chissà che non si riscopra l’autorevolezza di inizio anno proprio contro la capolista. Si prevede comunque un duello agguerrito, con la prima della classe che non dovrà avere vita facile contro una diretta concorrente per la promozione, i lombardi hanno un organico di tutto rispetto anche in grado di dare del filo da torcere alla compagine neroverde. C’è curiosità nel vedere con che rabbia il Livorno affronterà la sfida del “Granillo”. Contro una Reggina che, con la vittoria contro il Novara ha allontanato qualche fantasma, i labronici devono assolutamente riscattare la figuraccia rimediata con lo Spezia. Quei cinque gol pesano ancora sul groppone, e se si vuole restare in alto e provare ad insidiare la leadership del Sassuolo, bisogna andare all’assalto degli uomini di Dionigi che, in casa, vorranno provare a farsi valere. È vero che la squadra calabrese è giovane ed inesperta, ma ad attendere il Livorno ci sarà un ambiente caldo visto che i padroni di casa mai come ora intravvedono la possibilità di tirarsi fuori dal pantano della bassa classifica. Sfida molto interessante tra Spezia e Ternana, due squadre neopromosse che si ritrovano a pari punti e nell’alta classifica. Entrambe, però, stanno avendo percorsi diversi. Perché gli umbri hanno avuto un impatto choc con la categoria e c’era il rischio che l’organico si rivelasse inadeguata per un campionato simile. Invece nelle ultime giornata c’è stata un’esplosione sbalorditiva che ha condotto gli uomini di Castori dall’ultima posizione fino a quella lusinghiera dove è collocata adesso. Gli aquilotti, invece, sono partiti bene, poi si sono adagiati un tantino per poi riprendersi la corsa fino ad annichilire il Livorno nel turno precedente. Del resto una squadra che vanta in attacco gente come Sansovini e Antenucci non può non eccellere, e con questi giocatori non si può neanche non puntare in alto. Si preannuncia davvero molto invitante la sfida del “Picco”, e si vedrà chi delle due è più tonica al momento per accreditarsi come la vera outsider. Il Verona attende in casa il Grosseto fanalino di coda, e deve riscattare la sconfitta beffarda subita nei minuti di recupero a Padova. I biancoscudati, dal canto loro, sono in cerca di continuità e si proverà ad essere corsari a Vicenza.

Maurizio Longhi 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com