Tria: ‘All’Ue spiegheremo, nessuna manovra aggiuntiva’

Nei confronti della Commissione europea, che ha ritenuto giustificata una procedura per deficit eccessivo, “si tratterà di vedere come spiegare, come anticipare forse” ma “nessuna manovra aggiuntiva”: a dirlo il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, a un forum organizzato da Il Messaggero e ospitato dall’Abi. Tria ha ribadito di credere nelle stime del governo, che non danno un 2,4% di deficit per il 2019 ma un risultato “verso il 2,2 o 2,1%, e quindi siamo grosso modo nel braccio preventivo del Patto di stabilità”.

“Dobbiamo evitare in tutti i modi” la procedura d’infrazione della Ue che “farebbe sicuramente male all’Italia ma può fare male all’Europa”, ha aggiunto Tria, secondo cui “dobbiamo arrivare assolutamente a un compromesso, con una trattativa e un dialogo costruttivo. E’ nell’interesse dell’Italia ma anche dell’Europa” aggiunge il ministro.

“La settimana scorsa ho detto che la mia porta è sempre aperta per discutere con le autorità italiane, questo non cambia”, ma “non perdiamo tempo”: così il commissario agli affari economici Pierre Moscovici. “La palla è ora nel campo italiano, dobbiamo vedere un percorso credibile” di riduzione del debito “per il 2019 e il 2020”, e “restiamo pronti a prendere in considerazione ogni elemento che l’Italia potrà presentare”, ha aggiunto.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com