Trenta lievi scosse nella notte, 3.1 nell’Aquilano

Sono state circa 30 le scosse di terremoto (considerando solo quelle di magnitudo non inferiore a 2) registrate da mezzanotte alle 5 nel Centro Italia, la più forte delle quali di magnitudo 3.1 all’1:09 con epicentro a Capitignano (L’Aquila). Non si segnalano al momento nuovi crolli. Ieri nello stesso arco di tempo le scosse erano state circa 65, due delle quali di magnitudo 3.5.

Da tre giorni isolato dalla neve, senza luce e riscaldamento, fra le sue mucche che, al gelo, stanno morendo. Un allevatore di 25 anni è stato raggiunto in queste ore da un mezzo speciale dell’ Esercito a Case Cagnano di Acquasanta Terme, dove era rimasto per accudire i suoi animali.

IL PUNTO DELLA PROTEZIONE CIVILE 

 

LA DIRETTA DELLA PROTEZIONE CIVILE SUI LUOGHI COLPITI

Il consiglio dei ministri dovrebbe domani mattina alle 11 procedere, con provvedimenti fuori sacco, con l’estensione degli stati di emergenza nei territori colpiti negli ultimi giorni da nuove scosse di terremoto e dai danni dell’eccezionale ondata di maltempo. Saranno aumentati, a quanto si apprende, gli interventi sui territori colpiti senza allargare il cratere dei comuni colpiti già definiti nei mesi scorsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com