Trasporti: confermato per domani sciopero di 24 ore, disagi per pendolari

Stop dei trasporti confermato per domani. Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Ugl Trasporti e Faisa Cisal rispetteranno comunque le fasce di garanzia. A Roma infatti bus e metro circoleranno da inizio servizio alle 8.30 e dalle 17.30 alle 20 e a Milano da inizio servizio alle 8.45 e dalle 15 alle 18. A Torino, invece, il funzionamento della rete sarà garantita da inizio servizio alle 9 e dalle 12 alle 15, a Genova da inizio servizio alle 9.30 e dalle 17 alle 21 e a Bologna da inizio servizio alle 8.30 e dalle 16.30 alle 19.30. Invece a Napoli la fascia protetta è da inizio servizio alle 8.30 e dalle 17 alle 20 e a Bari da inizio servizio alle 8.30 e dalle 12.30 alle 15.30. A Palermo i mezzi pubblici viaggeranno normalmente da inizio servizio alle 8.30 e dalle 17.30 a fine servizio, mentre a Cagliari circoleranno da inizio servizio alle 9.30, dalle 12.45 alle 14.45 e dalle 18.30 alle 20. E’ confermato lo sciopero di 24 ore dei trasporti pubblici locali del 22 marzo. Al centro della protesta di Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Ugl Trasporti e Faisa Cisal ci sono le incertezze sulle risorse per il settore e sul rinnovo del contratto per 110.000 lavoratori a seguito della proposta di alcune giunte regionali di ridurre o azzerare il loro contributo al fondo perequativo che complessivamente vale, secondo i sindacati, 1,4 miliardi, il 22% del totale. “E’ il decimo sciopero in cinque anni in cui siamo senza contratto ed è stato rinviato tre volte. Abbiamo usato questo strumento con grandissima responsabilità”, ha detto il segretario nazionale della Filt Cgil, Alessandro Rocchi, in una conferenza stampa. “Ci hanno costretti allo sciopero – ha aggiunto Antonio Piras della segreteria Fit-Cisl – se fossero garantite le risorse, sarebbe facile firmare il rinnovo del contratto. E’ un obiettivo per il quale il governo ha fatto molto, ma non le regioni”. “Rischiamo che nonostante l’istituzione del fondo nazionale ci siano meno risorse, cioè meno autobus, meno treni e biglietti che continuano ad aumentare”, ha concluso il segretario nazionale della Uiltrasporti, Salvatore Ottonelli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com