Temporali e rischio nubifragi nei prossimi giorni

Nonostante la presenza dell’alta pressione sul Mediterraneo centrale, coadiuvata da un’onda calda che cerca di risalire dal Nord Africa, il tempo nei prossimi giorni non risulterà sempre stabile e soleggiato. Sulle regioni settentrionali infatti sono attese alcune infiltrazioni di correnti più umide dai quadranti occidentali che attiveranno una locale e temporanea instabilità, caratterizzata dalla formazione di temporali che dalle Alpi tenderanno a sconfinare alla pianura.

In particolare martedì un impulso di instabilità proveniente da ovest attiverà i primi rovesci o temporali dal pomeriggio sulle zone alpine e su tratti dell’Appennino settentrionale. Fenomeni che si intensificheranno in serata sulle Alpi, specie centro-orientali, con temporali che sconfineranno alle alte pianure lombardo-venete e Friuli, in estensione durante la notte fin verso il corso del Po.

Mercoledì la giornata inizierà più stabile, a parte qualche residuo piovasco sul Friuli. Nel pomeriggio nuovi focolai temporaleschi si formeranno su Alpi, Prealpi e Appennino settentrionale, ma in attenuazione serale. Nella notte però l’avvicinamento di un nuovo impulso instabile da ovest determinerà un aumento dell’instabilità al Nordovest, con acquazzoni e temporali che nel corso di giovedì si sposteranno fino a Lombardia e parte del Triveneto.

Circa Redazione

Riprova

Meteo: tornano le temperature pazze, mite in quota, gelate in pianura

INVERSIONI TERMICHE NOTEVOLI: l’aria fredda arrivata nelle ultime ore ha fatto precipitare i termometri di …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com