Talò (Uilm): Ilva, si discuta delle questioni, necessaria unità d’intenti

Riceviamo, e volentieri pubblichiamo, una nota di Antonio Talò, segretario generale della Uilm Taranto, sulla vicenda Ilva:

 

Si abbassino i toni e si torni al merito delle questioni. Diventano sempre meno comprensibili le puntuali polemiche su tutto, quando si parla di Ilva.

Intervengo anche sull’ultimo episodio accaduto a Massafra. Avrebbe dovuto essere un convegno in cui intessere una discussione seria sul futuro di una città e della sua provincia. Il territorio tarantino deve trovare la soluzione al problema Ilva; erano utili gli interventi e gli spunti, che riteniamo importanti, da parte dei partecipanti che hanno affrontato il merito delle questioni, ognuno per le proprie responsabilità e competenze. Si continua oggi, invece, a parlare, solo per un fatto sicuramente increscioso, che doveva essere chiuso in quella stessa assise; sarebbe bastato tener presente il senso di responsabilità che chi ha ruoli istituzionali ha per dovere.

Il tempo degli schieramenti e delle polemiche dovrebbe essere abbondantemente scaduto; si torni, o meglio, si inizi a discutere del merito delle questioni; di come si concilia il risanamento ambientale ed il rilancio dell’azienda e, al contempo, di come si preserva l’intera occupazione dello stabilimento siderurgico (15.000 dipendenti tra diretti e indotto).

Serve unità d’intenti, lo diciamo da tempo; è necessario abbandonare la strada delle divisioni, dei pregiudizi e dei veti. Solo insieme, con le proprie responsabilità, sindacati, associazioni ed istituzioni, possiamo arrivare alla soluzione. Abbiamo il dovere di fare presto.

                                                                                 Antonio Talò

                                                                 segretario generale Uilm Taranto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com