Svastica con simbolo Cgil su ufficio sindacati nel Milanese

Questa mattina i rappresentanti sindacali dei lavoratori ATM del deposito di San Donato hanno trovato affisso alla porta del loro ufficio un’enorme svastica con al centro il simbolo della Cgil. La denuncia arriva dalla Filt Cgil Lombardia che preannuncia per questo pomeriggio alle 17.30 un presidio davanti al deposito Atm di San Donato, insieme a Fit Cisl e Uiltrasporti insieme alle RSU “in risposta a questa provocazione indegna e fascista”. “Un atto gravissimo per il quale denunceremo alle forze dell’ordine quanto avvenuto affinché possa essere aperta un’indagine e individuati i responsabili – scrive la Filt Cgil in una nota -. Un atto vile che offende non solo la Cgil ma tutto il mondo del lavoro che ha lottato contro nazismo e fascismo pagando con la morte di lavoratrici e lavoratori, sindacalisti e antifascisti. Un atto se possibile ancora più grave per il ruolo che hanno avuto i lavoratori e i sindacalisti in ATM nella lotta al fascismo. Un atto che offende Milano città Medaglia d’Oro della Resistenza.

Un atto ad orologeria nei giorni in cui la Cgil è stata oggetto di violenza e devastazione con l’irruzione di gruppi neofascisti nella propria sede. Un atto commesso da codardi che di giorno alimenta l’odio nei confronti degli ultimi sussurrando e di notte attacca il Sindacato democratico che lavora alla luce del sole”. “Un atto contro la Cgil perché insieme a tutto il cindacato Confederale lavora per unire i lavoratori in nome di quella solidarietà che qualcuno vorrebbe spezzare a favore dei più forti contro i più deboli, della prepotenza contro l’intelligenza, di interessi economici più o meno leciti contro la tutela dei diritti dei lavoratori. Un atto contro il quale sabato 16 ottobre manifesteremo con Cisl e Uil per chiedere lo scioglimento dei diversi partiti e gruppi neofascisti che nel paese continuano ad organizzarsi, per affermare i valori democratici e inclusivi della nostra Costituzione, per chiedere un’azione delle forze dell’ordine a tutela del lavoro dei rappresentanti dei lavoratori. Un atto a cui tutto il mondo democratico darà una risposta perché la forza della ragione vinca contro la follia”.

Circa redazione

Riprova

Bologna, insegnante non vaccinata positiva al Covid: 300 studenti in Dad

Trecento alunni costretti alla didattica a distanza, quattro classi in quarantena e otto hanno sospeso l’attività didattica. Alla …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com