Su Ostia ipotesi rottura della pax tra clan

ROMA. Vertice oggi in Prefettura a Roma per la questione ‘sicurezza’ a Ostia dopo gli episodi criminosi degli ultimi giorni. Sul tavolo l’aumento del numero di forze dell’ordine presenti su quel quadrante della città. Alla riunione operativa hanno partecipato il prefetto, il questore e il comandante provinciale dei carabinieri e della guardia di finanza.

Intanto la procura di Roma ha aperto oggi un fascicolo processuale sugli ultimi due episodi di intimidazione nei confronti di appartenenti alla famiglia Spada avvenuti tra sabato e domenica: gli spari contro la porta di casa di Silvano Spada, cugino di Roberto (in carcere dopo avere aggredito un giornalista) ed i calci e pugni sferrati da ignoti verso il portone d’ingresso dell’abitazione del fratello di Silvano. La Direzione distrettuale antimafia procede per minacce e danneggiamento.

La rottura di una pax tra clan e una lotta per il controllo del business criminale ad Ostia. Questa l’ipotesi investigativa sulla quale lavorano gli inquirenti che hanno aperto due fascicoli sulla gambizzazione di due persone in una pizzeria e le intimidazioni agli Spada a Ostia. Il possibile squilibrio nel puzzle criminale potrebbe essersi creato all’indomani dell’arresto di Roberto Spada dopo l’aggressione ad un giornalista. Sul tavolo dei clan il predominio su affari come droga, usura, gioco d’azzardo, racket case popolari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com