Stupri Rimini, mediatore verso processo

 BOLOGNA. Nei prossimi giorni all’ex mediatore culturale di una cooperativa indagato a Bologna per istigazione a delinquere, dopo un post su Fb all’indomani degli stupri di Rimini, sarà inviato un avviso di chiusura indagine, atto che prelude alla richiesta di rinvio a giudizio.

Lo ha fatto mettere a verbale il procuratore aggiunto Valter Giovannini, nel corso dell’interrogatorio del giovane pachistano, interrotto quando questi ha chiesto un interprete. Lo straniero aveva ricevuto un invito a comparire dalla Procura, dopo l’avvio dell’indagine sulle frasi pubblicate (Lo stupro è peggio solo all’inizio) che gli sono costate il licenziamento.

Si è presentato con due avvocati di fiducia ed è iniziata una fase preliminare dell’audizione, con le domande sulla generalità e sul suo arrivo in Italia, nel 2015. A quel punto gli è stato chiesto se comprendesse la lingua o se avesse bisogno di un’interprete: il pachistano ha risposto di non comprendere bene e di avere quindi la necessità di una traduzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com