Stangata Telepass, arrivano i rincari: le nuove tariffe

L’estate è iniziata e le temperature sono roventi in tutto il Bel Paese, con numerosi italiani che hanno già deciso di anticipare le ferie per partire prima e sfruttare le occasioni per risparmiare sulle mete più ambite. Ma per chi sì metterà in viaggio in auto, percorrendo lo Stivale da Nord a Sud e viceversa, dovrà fare i conti con la nuova stangata che arriva da parte di Telepass.

Infatti, oltre all’aumento dei prezzi del carburante, anche la società dei servizi per la mobilità in ambito urbano ed extraurbano chiede uno sforzo agli italiani, con nuove tariffe che partiranno da venerdì 1° luglio 2022.

Telepass, quali tariffe aumentano

Con questi presupposti le vacanze degli italiani sembrerebbero non partire dai migliori presupposti. La notizia dell’aumento delle tariffe di Telepass era già nota da diversi mesi, ma fino all’ultimo in tanti hanno sperato in un dietrofront dell’azienda per tutti quei clienti fedeli al marchio. A essere colpite dai rincari sono due delle opzioni in abbonamento storiche, ovvero i canoni Telepass Family e l’Opzione Twin che non vedevano subire dei rialzi dal 1997.

A partire dal 1° luglio 2022, infatti, verrà introdotto un incremento del canone di locazione dell’apparato collegato al servizio Telepass Family nonché del canone di locazione dell’apparato aggiuntivo collegato al servizio Opzione Twin nella misura di euro 0,57 euro IVA inclusa al mese, passando dagli attuali 1,26 a 1,83 euro. Questo abbonamento permette, oltre al pagamento del pedaggio delle autostrade, anche di posteggiare nei parcheggi convenzionati e di accedere ad alcune aree cittadine anche senza il dispositivo a bordo, con la visura della targa.

L’altro incremento, pari a 0,28 euro IVA inclusa al mese, è per l’apparato aggiuntivo collegato al servizio Opzione Twin, facendo passare la tariffa da 2,10 a 2,38 euro. L’abbonamento permette di usufruire di tutti i servizi inclusi in Telepass Family, aggiungendo all’abbonamento un secondo dispositivo, che permette di collegare altre due auto e attivare l’Opzione Premium e l’assistenza stradale in Italia.

I motivi del rincaro

I rincari hanno fatto storcere il naso ai consumatori e clienti di Telepass, che già da diversi giorni stanno ricevendo una email che contiene la proposta di modifica unilaterale del contratto. Ma l’aumento, secondo la società, era inevitabile.

Da Telepass, infatti, hanno giustificato gli aumenti in quanto dovuti al “progressivo mutamento del contesto tecnologico, di mercato e organizzativo in cui opera Telepass e del correlato aumento di costi e investimenti necessari per adeguare i predetti servizi, e di introdurre alcune ulteriori previsioni volte ad adeguare allo sviluppo tecnologico e normativo le modalità di prestazione dei medesimi servizi”.

Come fare disdetta

Come ogni servizio in abbonamento, anche Telepass può essere disdetto senza alcun problema. Chi è contrario all’aumento dei costi, infatti, ha facoltà di recedere e ha 6 mesi di tempo per restituire il proprio dispositivo.

Per manifestare la volontà di recesso è possibile mandare una comunicazione via email, pec, raccomandata o recandosi presso i Telepass Store, i PuntiBlu e Centri servizi dei gestori autostradali e gli altri punti vendita o assistenza a tal fine specificamente autorizzati da Telepass. L’intera procedura, però, può essere espletata anche su Internet, effettuando l’accesso al sito di Autostrade per l’Italia utilizzando le proprie credenziali.

Circa Redazione

Riprova

Pensioni, partiti a lavoro per non tornare alla Fornero: cosa cambierà

Il 31 dicembre gli italiani saluteranno Quota 102, il regime transitorio che consente di andare …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com