Sondaggi: Fratelli d’Italia ancora in crescita

I sondaggi premiano Fratelli d’Italia e anche tutto il centrodestra. L’ultimo sondaggio Dire-Tecnè,  dello scorso venerdì segnala il sorpasso di Fratelli d’Italia ai danni del Pd. Il partito di Giorgia Meloni, guadagnando lo 0,1% si porta quindi al 21,6% delle preferenze e stacca i dem, fermi allo 21,2% (-0,3% in 7 giorni). Continua il calo della Lega (-0,2%) che tuttavia rimane saldamente sul gradino più basso del podio con il 16,1%.

Sondaggi, il centrodestra sfiora il 50%

Il sondaggio, pubblicato sul sito dell’agenzia Dire, mostra il M5s giù dal podio, quarto, con il 12,3% (-0,1%). Quindi Forza Italia con il 10,6 (+0,2%)%. Bene Azione e Europa+ (+0,2%) ora al 5%. Guadagna terreno anche Italia Viva al 3% (+0,2%), Europa Verde 2,4% (-0,1%), Sinistra Italiana 2,3% (-0,1%). La coalizione di centrodestra allunga leggermente sul centrosinistra nell’ultima settimana. Con un +0,2% si porta al 49,9%, a un passo dalla metà esatta delle preferenze degli italiani, e stacca la coalizione avversaria ferma al 37,5% (-0,4%). FdI, Lega, Fi, Udc e Ci si avvicinano alla percentuale di poco più di un anno fa quando raggiunsero il 53% contro il 34% di Pd, M5s, Articolo 1 ed Europa Verde. Cresce leggermente la fiducia degli italiani in Mario Draghi. Sempre secondo la stima Dire-Tecnè il premier questa settimana vede aumentare il suo consenso di 0,3 punti percentuali. Ora è apprezzato dal 53,9% degli italiani.

Il sondaggio Noto: FdI primo partito

L’ascesa di Fratelli d’Italia è stata confermata anche dall’ultimo sondaggio realizzato nei giorni scorsi da Noto Sondaggi per Porta a Porta. Fratelli d’Italia oggi sarebbe il primo partito italiano con il 21% (con una crescita di un punto rispetto alla precedente rilevazione del 10 febbraio 2022). Seguono il Pd al 20% (-0,5), la Lega con il 17,0% (-1%). Quarto in classifica il M5S con il 12% (-0,5%), poi Forza Italia al 7% (-1) seguita da Azione al 4% (+1%). Quindi, stabili, Italia Viva con 3% e al 2% Noi con l’Italia. Crescono al 2% i Verdi (+0,5). Italexit risulta stabile all’1,5% mentre Leu-Articolo 1 cresce all’1,5% (+0,5%). Scendono Coraggio Italia all’1,5% (-0,5%) e Sinistra Italiana all’1% (-0,5%).

Noto ha anche dato un valore complessivo agli schieramenti: il centrodestra (Fdi-Lega-Fi-Noi-Ci) raggiungerebbe il 48,5% mentre il centrosinistra (Pd-M5S-Leu-Si-Verdi) il 36,5%. Gli altri di Centrosinistra (Azione/Più Europa-Italia Viva) hanno complessivamente il 7%. Mentre i non coalizzati raggiungono l’8%.

Circa Redazione

Riprova

Calabria: inceneritore a Marcellinara e D’Ippolito (Impegno Civico)

«Ringrazio la Calme Spa per avermi, a ridosso di Ferragosto, invitato ad un confronto diretto …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com