Somalia. Crisi del turismo dopo il divieto dalle ambasciate in Kenya

Le ambasciate e le alte commissioni del Kenya, hanno vietato per i propri dipendenti e cittadini un divieto di viaggiare fino a 150 chilometri dalla zona di confine con la Somalia. A renderlo noto, una fonte diplomatica a Nairobi. Un divieto che si estenderebbe a località turistiche molto gettonate – come Malindi – che rischia di mettere in ginocchio il comparto turistico del Kenya. Dopo il primo rapimento ai danni di un cittadino britannico, rivelano fonti diplomatiche, le forze di sicurezza keniane non hanno fatto abbastanza per garantire la sicurezza di cittadini e turisti contro il pericolo delle milizie somale. Il raggio di 150 chilometri entro cui si estende il divieto è, tuttavia, provvisorio e sottoposto ad un costante monitoraggio. Preoccupazione per l’embargo turistico hanno espresso anche gli operatori del turismo del Kenya, e le compagnie aeree che offrono servizi regolari da Nairobi per Mombasa, Malindi e Lamu.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com