Solo pari col Lussemburgo, così non va bene!

Così proprio non va. A pochi giorni dall’esordio mondiale l’Italia di Cesare Prandelli si presenta nel peggior modo possibile e cioè con un pareggio inconcepibile contro il modestissimo Lussemburgo. Va bene, era solo un’amichevole, gli Azzurri avevano le gambe imballate a causa della preparazione dura, avremmo meritato qualche gol in più viste le parate di Moris e le traverse di Balotelli e Candreva, il gol è arrivato nel finale dopo la girandola di cambi, ma non c’è alibi che tenga. È anche vero che le amichevoli e gli impegni facili sono sempre stati insidie per un’Italia che sa trasformarsi nei grandi appuntamenti, ma neanche nella peggiore situazione l’Italia può pareggiare col Lussemburgo, a maggior ragione a ridosso di un Mondiale. Proviamo a vedere qualche aspetto positivo in questa notte amara e cioè la buona intesa tra Balotelli e Cassano, quella che, dopo l’esclusione di Rossi, potrebbe essere la coppia gol azzurra. Per Prandelli: <<Mario ha avuto due palle gol anche nel primo tempo, ma è chiaro che con Cassano va bene perché davanti c’è qualità>>. Un Prandelli che prova a minimizzare ammettendo che “È chiaro, dobbiamo migliorare” ma “Non sono deluso, questo test non è stato assolutamente un fallimento perché abbiamo cercato di fare le situazioni provate in allenamento”. E poi perché “Abbiamo fatto un gran lavoro e non potevamo essere brillanti”. Non resta che aggrapparci a questo aspetto, all’auspicio e alla convinzione di Prandelli secondo cui “Partiamo con la consapevolezza che possiamo fare un grande Mondiale”. È la speranza di tutti ma bisogna di fare di più, molto di più. E allora speriamo che l’Italia non sia questa ma che sia capace, come insegna la storia, di trasformarsi nei grandi appuntamenti e contro le grandi squadre. Che l’Inghilterra ci trasformi nella vera Italia.

Sebastiano Borzellino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com