Siria, Turchia: “Nel nord arabi sono maggioranza e amministreranno”

Nel Nord-est della Siria, la zona chiamata dai curdi il “Rojava”, ovvero il Kurdistan siriano, “la maggioranza” della popolazione è di etnia araba alla quale toccherà di assumere la responsabilità di “amministrarla”. Così oggi il ministro degli Esteri turco, Mevlüt Çavusoglu, come riferiscono media statali turchi. Lo scorso 9 ottobre l’esercito turco ha lanciato una vasta offensiva con l’obbiettivo dichiarato di “ripulire” il Nord-est siriano dalle forze curde definite “terroriste” e portare in quelle zone i circa 3 milioni di profughi siriani che si trovano in territorio turco che sono in stragrande maggioranza di etnia araba.

“Gli arabi costituiscono la maggioranza della popolazione lì (Nord-est della Siria), e assumeranno la responsabilità dell’amministrazione e se ci saranno dei curdi, questi parteciperanno anche loro al potere”, ha detto il capo della diplomazia turca in un incontro con i giornalisti ad Ankara per spiegare i punti dell’accordo raggiunto ieri a Sochi dal presidente turco Recep Rayip Erdogan e il suo omologo russo Vladimir Putin proprio sulla Siria, come ha riferito l’agenzia di stampa statale Anadolu. Le forze curde accusano Ankara di volere, con la sua operazione militare contro di loro nel Rojava, fare “pulizia etnica” imponendo “modifiche demografiche” di una area abitata in maggioranza da curdi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com