Siria: piu’ di 3 mila morti da inizio violenze

In Siria da marzo, mese in cui sono scoppiate le violenze, sono state uccise più di 3 mila persone. Solo negli ultimi 10 giorni ne sono morte circa 100. E la vera tragedia è che 187 tra le vittime, siano bambini. A denunciare questa grave situazione, l’Alto Commissario per i diritti umani dell’Onu, Navy Pillay, in una dichiarazione resa nota a Ginevra.

“Spetta a tutti i membri della comunità internazionale agire prima che la repressione spietata faccia precipitare la Siria in una vera e propria guerra civile” ha aggiunto Pillay.

Intanto a Damasco, migliaia di siriani sono scesi in piazza per chiedere la caduta del regime, nel 33/mo venerdì consecutivo di proteste. Ma le manifestazioni hanno interessato anche altre località del Paese. Lo riferiscono attivisti e testimoni oculari, citati dalle tv panarabe al Arabiya e al Jazira. La tv di Stato siriana, però  smentisce le notizie e afferma che i due canali satellitari mirano a destabilizzare la Siria, ”vittima di un complotto straniero”.

 

Gli attivisti hanno dedicato questo venerdì di protesta ai ”Liberi dell’esercito”, in riferimento ai soldati disertori. Al Jazira mostra in diretta immagini provenienti da Homs, terza città  del Paese, e Binnish, localià  nel nord-ovest teatro ieri di violenti scontri tra forze fedeli al presidente Bashar al Assad e militari disertori, unitisi ai manifestanti anti-regime. Al Arabiya dal canto suo riferisce di cortei nei quartieri di Qadam e Qabun a Damasco. Secondo il Comitato locale degli attivisti di Qadam, che diffonde le notizie via Twitter e Facebook, le forze di sicurezza hanno aperto il fuoco contro i manifestanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com