Siria, “jihad sessuale”: donne offrono servigi ai militanti: ritornano incinte

Le donne tunisine che sono andate in Siria per offirire i loro servigi ai militanti islamici impegnati nel conflitto contro il regime di Bashar al Assad, sono tornate in patria incinte. Questo è quanto confermato dal ministro dell’Interno Lofti ben Jedou davanti all’Assemblea nazionale costituente.  “Hanno rapporti sessuali con 20, 30, 100” miliziani, ha detto il ministro, e “tornano in patria incinte”. La “jihad del sesso”, che permette relazioni sessuali fuori dal matrimonio con più partner, è ritenuta da alcuni esponenti salafiti come una forma legittima di guerra santa. Il ministro non ha neanche precisato quante siano le donne che si sono recate in Siria; sarebbero centinaia secondo quanto apparso sulla stampa nei mesi scorsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com