Wives of Islamic state fighters (IS) walk with their children upon their deportation from the al-Hol camp for refugees in al-Hasakah governorate in northeastern Syria on 03 June 2019 (issued 04 June 2019). ANSA/AHMED MARDNLI

Siria: i curdi liberano 20mila civili da campo Isis

Le autorità curdo-siriane hanno annunciato di voler rimettere in libertà oltre 20mila civili siriani, imparentati con ex jihadisti dell’Isis o provenienti da zone a lungo dominate dall’Isis, da circa due anni rinchiusi in un campo profughi al confine con l’Iraq. Lo ha detto Elham al Ahmad, del Consiglio democratico siriano, istituzione che governa la regione semi-autonoma curdo-siriana e che gestisce i campi profughi e di prigionia della Siria nord-orientale e orientale.

Il campo di al Hol ospita dal 2019 decine di migliaia di civili, siriani ma anche di altre nazionalità, sfollati dalle zone della valle dell’Eufrate che l’Isis aveva controllato dal 2013 al 2018.

Secondo stime dell’Onu, nel campo rimangono circa 25mila siriani, 30mila iracheni e 10mila di altre nazionalità. Si tratta per lo più di donne e bambini, moglie e figli di ex jihadisti, morti in battaglia o fatti prigionieri dalla Coalizione.

In condizioni igienico-sanitarie difficili e in un contesto di forte tensione sociale, il campo di al Hol è stato da più parti descritto come un “focolaio di radicalizzazione” e come “l’ultima roccaforte dell’Isis” in Siria.

L’Isis era stato sconfitto dalla Coalizione internazionale a guida Usa e di cui fanno parte i combattenti curdo-siriani.
L’amministrazione politica curdo-siriana, che domina la Siria orientale e nord-orientale, da tempo chiede alla comunità internazionale di farsi carico delle spese di gestione del campo di al Hol.

“Il consiglio democratico siriano e l’amministrazione autonoma (curdo-siriana) hanno deciso di svuotare completamente il campo dai siriani, lasciando solo gli stranieri”, ha detto Elham al Ahmad, citata dai media.
In precedenza, i siriani venivano rilasciati col contagocce dopo una serie di accordi tra l’amministrazione curda e i clan tribali arabi della Siria nord-orientale e orientale, da cui provengono gran parte dei civili siriani rinchiusi dal 2019 ad al Hol.

Circa Redazione

Riprova

Francia: gilet gialli contro il lockdown, Parigi si blinda

Nonostante la neve e l’anticipo del coprifuoco alle 18, due manifestazioni sono previste oggi a …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com