Silvio Berlusconi all’Eurispes: “Ci vuole un Piano Nazionale delle Riforme, ma condiviso da tutti”

In un’intervista sul magazine online dell’Eurispes, a firma di Emilio Albertario, l’ex Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, afferma, tra l’altro: “Ci vuole un Piano Nazionale delle Riforme, ma condiviso da tutti”.

L’Italia è alla ricerca della giusta ricetta per il rilancio. L’Eurispes ha quindi pensato di chiedere ai Presidenti del Consiglio della Seconda Repubblica quali, a loro giudizio, siano le vie d’uscita possibili alla crisi economica e sociale generata dalla pandemia.

Il primo a rispondere è il Presidente Silvio Berlusconi che dell’attuale governo dice: «saprà come spendere i 170 miliardi stanziati dall’Europa? La risposta è no, dal momento che non ha ancora neppure redatto il Piano Nazionale delle Riforme che avrebbe dovuto accompagnare il Documento di Economia e Finanza di aprile”. Ma ancora il presidente Berlusconi indica una via: “assicurare nuove condizioni di efficienza per le imprese che operano in Italia e/o hanno delocalizzato la produzione, attraverso l’introduzione di una Flat Tax, la riduzione dei costi dell’energia, la riduzione del costo del lavoro, in particolare per le nuove assunzioni di giovani, il rafforzamento dei rapporti con i grandi venture capitals internazionali, il rafforzamento della normativa sui Mini corporate bonds, lo sviluppo degli incubatori d’impresa, favorendo “spazi a fiscalità zero e costi zero” principalmente, ma non solo, a livello di Macroregioni del Sud».

E aggiunge: «La Flat Tax è una vera e propria rivoluzione fiscale (“pagare meno per pagare tutti”), un’aliquota unica per tutti, famiglie e imprese, progressiva, grazie a una detrazione concessa alla base, per dare più certezze e garantire un sistema fiscale più equo e vicino ai cittadini, per semplificare il sistema fiscale, per ridurre l’evasione e l’elusione. Ridurre la pressione fiscale significa restituire potere d’acquisto alle famiglie, per cui aumentano i consumi, e dotare di liquidità le imprese, per cui aumentano gli investimenti. Più consumi e più investimenti, a loro volta, generano nuova crescita e creano nuova occupazione. Più occupazione significa più gettito per lo Stato, che quindi ha maggiore disponibilità di risorse: da un lato, per ridurre il deficit e il debito; dall’altro, per finanziare più welfare e più sicurezza. Ne deriva più benessere per tutti. Siamo, invece, contrari a qualsiasi forma di tassazione patrimoniale sulla ricchezza delle famiglie.

Occorre poi istituire una vera e propria “pace fiscale” per tutti i piccoli contribuenti che si trovano attualmente in condizioni di difficoltà economica».  Oltre a questo, secondo il Presidente Berlusconi va eliminata L’Irap: «l’imposta “rapina” introdotta dal governo Prodi sulle imprese».  E ricorda come proprio in questi giorni Forza Italia ha presentato un primo emendamento al “dl rilancio” per l’abolizione di questa tassa.

Del 41bis afferma: «Con i miei governi è stato reso permanente e inasprito; sono stati arrestati 1.296 latitanti mafiosi (32 fra i principali ricercati); il Procuratore Antimafia ha avuto più poteri; sono stati sequestrati e confiscati 49.035 beni alla mafia, per un totale di 25 miliardi di euro.

Sono azioni che vanno potenziate ed estese anche a livello internazionale, con una maggiore cooperazione delle diverse Intelligence e una maggiore attenzione alla cybersecurity». Ritenendo invece che «l’estensione delle eccezionali norme della legislazione antimafia ad altre tipologie di reato (ad esempio, quelle contro la Pubblica amministrazione) provochi un effetto distorsivo di annacquamento delle priorità alla lotta alle vere organizzazioni criminali mafiose».

Molti i temi toccati dall’intervista: dal rapporto con l’Europa alla riforma della giustizia passando per la scuola e la formazione, dal sistema sanitario ai problemi della comunicazione e delle fake news, dalla corruzione nella Pubblica amministrazione alla questione Meridionale.

Il Presidente arriva alla conclusione che: «occorra una nuova fase costituente per far ripartire il Paese. È oggi il momento delle riforme. Ora o mai più. Abbiamo bisogno di un nuovo patto economico e sociale, come auspicato dal Governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, tra tutte le componenti della società. Per farlo, occorre evidentemente il contributo di tutti: famiglie, imprese, università, banche, cultura e naturalmente politica di maggioranza e di opposizione. Dal momento che in Italia arriveranno presto dei fondi europei necessari per la ricostruzione, l’occasione giusta per questa fase costituente potrebbe essere quella della scrittura del Piano Nazionale delle Riforme, ovvero il programma da presentare ai cittadini e all’Unione europea, contenente la lista delle riforme da fare nel prossimo triennio, con le relative tempistiche e i relativi costi. Un documento indispensabile, necessario se si vuole dare una programmazione di medio-lungo termine alle opere indispensabili da fare. Essendo un programma a lunga scadenza, deve quindi essere scritto comunemente, con il contributo di tutti, perché deve prescindere dai Governi che lo attueranno in futuro»..

L’intervista integrale è al seguente link https://www.leurispes.it/il-presidente-silvio-berlusconi-alleurispes-ci-vuole-un-piano-nazionale-delle-riforme-ma-condiviso-da-tutti/

Circa Redazione

Riprova

Coronavirus, 21.052 contagi, 662 decessi

Sono 21.052 i nuovi casi di coronavirus in Italia (ieri erano 24.099), e 662 i …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com