Il candidato di "Cento passi per la Sicilia" Claudio Fava, durante la trasmissione Rai "In mezz'ora" condotta da Lucia Annunziata, Roma, 29 ottobre 2017. ANSA/ANGELO CARCONI

Sicilia. “Dell’Utri e Cuffaro hanno diritto di parlare. Presidente della Regione non può chiedere favori a condannati per mafia”. Claudio Fava

Le relazioni pericolose di Musumeci
Con un lungo post pubblicato sui social network, il Presidente della Commissione regionale antimafia e candidato alle primarie del centrosinistra Claudio Fava interviene oggi nel dibattito sul ruolo di Marcello Dell’Utri e Totò Cuffaro nella politica regionale e sulle relazioni degli stessi con il Presidente della Regione.
LE RELAZIONI PERICOLOSE
Non sono d’accordo con i toni di questo coretto perbenista, e a tratti stucchevole, che se la prende con i pregiudicati per mafia, rei – dopo aver scontato interamente e dignitosamente la loro pena – d’aver ancora voglia di parlar di politica. Totò Cuffaro e Marcello Dell’Utri non sono stati condannati all’esilio, alla gogna civile o all’obbligo perpetuo del silenzio ma alla galera. L’hanno scontata e – pena accessoria – non potranno più né votare né essere eletti. Ma conservano il pieno diritto (come osserva il professor Fiandaca) di dire quello che pensano.
Meno comodo è prendersela con chi è andato a cercarli, a richiederne benedizioni e raccomandazioni elettorali: ed infatti sui questuanti eccellenti tacciono tutti, compresi i columnist della nobile stampa antimafiosa.
Una decina di giorni fa c’è stato un incontro all’hotel delle Palme. Il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci è andato in udienza da Marcello Dell’Utri, che lo ha benevolmente accolto; Musumeci ha chiesto un’intercessione con Berlusconi per la propria ricandidatura e il suddetto Dell’Utri gliel’ha concessa passandogli al telefono il Cavaliere. A causa di questo siparietto palermitano, la pubblica riprovazione s’è rovesciata solo su Dell’Utri mentre il Musumeci, furbo e muto, ha provato a farla franca.
Io la penso esattamente all’opposto, e pazienza per gli irriducibili del moralismo antimafioso che la prenderanno male: ovvero, per me Dell’Utri può parlare con chi vuole, è un suo diritto. Il Presidente della Regione Siciliana, lui no, non può parlare con chi vuole: soprattutto se il suo interlocutore è un condannato in via definitiva per mafia. Avergli chiesto un’intercessione, un favore, un’apertura di credito politico su Roma ne fa, subito, un presidente dimezzato, un candidato compromesso, un uomo di parte. E della parte sbagliata.
Sono d’accordo anche con il giudice Morvillo. Musumeci si tenga lontano, il 23 maggio e il 19 luglio, da chi ricorda i nostri morti. Se frequenti i condannati per mafia non hai titolo per frequentare il ricordo delle vittime di mafia. Provare a fare l’una e l’altra cosa è solo una bestemmia. Delle peggiori.

Circa Redazione

Riprova

Sicilia, Attacco hacker al comune di Palermo, Csa-Cisal: “Rubati i dati dei lavoratori, pronte le richieste di risarcimento danni”

“I dati sensibili di migliaia di dipendenti del comune di Palermo sono finiti sul dark …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com