Sharon in coma dal 2006, attività cerebrale continua

Secondo alcuni esami compiuti sull’ex primo ministro israeliano Ariel Sharon, in coma dal 2006 in seguito ad un attacco cardiaco, sono stati evidenziati segnali di attività cerebrale. Secondo quanto riferito dalla Bbc, Sharon ha risposto a delle stimolazioni esterne. Questa attività cerebrale è diventata ancora più evidente quando i medici hanno mostrato a Sharon delle fotografie di suoi familiari e gli hanno fatto ascoltare la voce registrata del figlio. L’ex premier israeliano, dal 2006 è in stato vegetativo e connesso a un respiratore. I medici del Soroka Hospital di Beersheba hanno spiegato che durante i test l’uomo ha mostrato “significativa attività cerebrale”, anche se le risposte del paziente alle stimolazioni non significano necessariamente una totale ripresa di coscienza.

Circa Piera Toppi

Riprova

Gas: pacchetto di Berlino per evitare ricadute su mercati finanziari

Da quanto si apprende a Bruxelles, la Germania è intervenuta con un pacchetto nazionale sostanzioso …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com