Sergio Mattarella: ‘Il Paese ha bisogno di un governo con pieni poteri’. Decisione nelle prossime ore

 ‘Il nostro Paese ha bisogno in tempi brevi di un governo nella pienezza delle sue funzioni. Vi sono di fronte a noi adempimenti, impegni, scadenze che vanno affrontati e rispettati. Si tratta di adempimenti e scadenze interni, europee e internazionale’,  dice il presidente della Repubblica Sergio Mattarella al termine delle consultazioni aperte dopo la crisi di governo. ‘Abbiamo registrato un larghissimo rifiuto da parte delle opposizioni a un governo di responsabilità nazionale e abbiamo assicurato al capo dello Stato tutto il sostegno del Pd alla soluzione della crisi che riterrà più opportuna’,   afferma Luigi Zanda, capogruppo del Pd al termine delle consultazioni: ‘L’obiettivo è sempre quello di andare al voto in tempi il piu’ rapidi possibili’.  Quella di oggi è stata l’ultima tornata delle consultazioni al Quirinale. Il primo gruppo ad incontrare questo pomeriggio il presidente Sergio Mattarella è quella di FI, guidata da Silvio Berlusconi e composta inoltre dai due capigruppo Paolo Romani e Renato Brunetta. Abbiamo illustrato a Mattarella,  ha detto il Cavaliere al termine del colloquio,  quella che ci sembra l’unica strada possibile, l’approvazione in tempi rapidi di una nuova legge elettorale condivisa per poi consentire agli italiani di esprimersi con il voto:  ‘Fi  non è disponibile a sostenere un governo di larga coalizione. Tocca al Pd esprimere e sostenere un governo per la parte restante della legislatura, che deve essere la piu’ breve possibile.  Cogliamo l’occasione per ribadire anche alla luce degli eventi di questi giorni la nostra considerazione per il senso di responsabilità istituzionale del presidente Mattarella e la fiducia nel suo ruolo di garante della vita democratica del Paese in questa fase delicata. Il Movimento cinque stelle ha chiesto al Colle che resti il governo dimissionario fino alla sentenza della Consulta sull’Italicum e poi si vada a votare: ‘Oggi in Italia abbiamo due leggi elettorali diverse che generano una paralisi istituzionale dolosa generata dalla irresponsabilità della classe politica guidata da Renzi e dal Pd. Per questo abbiamo chiesto di garantire il percorso istituzionale più rapido per andare al voto con la legge elettorale che sarà certificata dalla Corte costituzionale’.  Sostegno del Pd alle decisioni che prenderà il presidente Sergio Mattarella per un governo che dovrà affrontare le più urgenti emergenze, compresa la legge elettorale: ‘Abbiamo assicurato al presidente Mattarella tutto il sostegno del Pd alla soluzione alla crisi che egli riterrà più opportuna, spiegando che la proposta di un governo di unità nazionale, avanzata dalla Direzione dem, ha incontrato un larghissimo rifiuto da parte delle opposizioni:  ‘La Direzione nazionale del Pd ha dato mandato a questa delegazione di chiedere un governo di responsabilità nazionale, con la più larga partecipazione possibile delle forze politiche di maggioranza e opposizione con l’obiettivo di portare il Paese quanto più rapidamente possibile alle elezioni. Abbiamo registrato, anche dalle dichiarazioni delle varie delegazioni al termine dell’udienza con il presidente della Repubblica, un larghissimo rifiuto da parte delle opposizioni a questo’, afferma Luigi Zanda. Si resta in attesa delle decisioni del Capo dello Stato che dovrebbero arrivare a breve.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com