Sergio ed il ‘praticante avvocato’: un nuovo elogio per riflettere ridendo

Oggi, nella sede napoletana della Pironti, prestazione dell’ennesimo atteso impegno satirico dell’eccellente penalista e scrittore, appena arrivato nelle librerie 

 

L’ha scritto un penalista della vecchia scuola forense napoletana; quella scuola che nel corso dei secoli, superando difficoltà d’ogni genere e sconfiggendo le prepotenze dell’establishment politico ed economico, s’è sempre proposta come un contropotere e vindice dei diritti dei cittadini.

È l’Elogio del praticante avvocato il nuovo prezioso ‘libbriccino’ di Salvatore Maria Sergio al quale si debbono pure i fortunati Elogio dell’avvocato, Elogio della donna avvocato, e l’Elogio del processo, Giambattista Vico non può vincere.

Questa sua nuova opera – un ennesimo gioiellino di stile –  s’inserisce nella collana di Elogi editi da Tullio Pironti, il quale s’è avvalso delle firme di scrittori e giornalisti di notorietà nazionale e stranieri, tra i quali Giancarlo Dotto, Joan Margall, Tinto Brass, Mimmo Liguoro, Vittorio Paliotti, Josè Vicente Quirants Rives, Maria Roccasalva, Pietro Treccagnoli.

Con la consueta scrittura raffinata ma anche corrosiva, l’autore denuncia il declino culturale e tecnico del nuovo ceto forense; un declino che ha origine nella scuola, nell’Università e nell’inadeguato sistema d’accesso alla professione. Tuttavia, manifesta la speranza, anzi la convinzione, secondo cui le sorti dell’avvocatura saranno salvate, nel solco della tradizione plurisecolare, da quegli avvocati che sono coscienti del ruolo politico, costituzionale e civile a loro assegnato all’interno della società.

Dell’Elogio del praticante avvocato discuteranno domani, venerdì 2 febbraio, alle ore 18, nella Libreria Pironti, in piazza Dante 30 a Napoli, lo storico dell’arte Enzo Bonifiglio, il giornalista Mimmo Carratelli, Flaviano Moltedo, penalista, e il giudice Nicola Quatrano.

Un’occasione imperdibile per i tanti estimatori dello scrittore dalla penna tagliente come la lama di un rasoio, spietatamente realista, dotato di uno stile inconfondibile che rende piacevole la lettura anche delle considerazioni più crude e giuste, grazie ad una satira di qualità che invita al sorriso e, allo stesso tempo, alla riflessione.

Teresa Lucianelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com