Sequestra ex moglie e tenta suicidio

Ha aggredito l’ex moglie mentre andava al lavoro, portandola nel suo appartamento dove l’ha picchiata. Dopo averla liberata, ha incendiato l’auto nel box e ha tentato di suicidarsi. La vicenda è accaduta a Mozzate, in provincia di Como. Un uomo di 57 anni ha teso un agguato lungo la strada che l’ex moglie percorre per andare al lavoro. Con la forza l’ha portata a casa sua dove ha proseguito a picchiarla e interrogarla.

 Quando si è reso conto che i suoi sospetti su una relazione della donna con un altro erano infondati, l’ha riportata dove l’aveva sequestrata e, tornato a casa, forse pentito di quel che aveva fatto, ha cercato di uccidersi a coltellate dopo aver dato fuoco alla sua auto, nel garage sotto casa.

La donna non è in pericolo di vita. L’ex marito è stato trasportato in elicottero all’ospedale di Varese. L’uomo dovrà rispondere di sequestro di persona, maltrattamenti e incendio doloso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com