Scuola: sì della Camera al ddl riforma

Sì dell’Aula della Camera alla riforma della scuola. Il testo, approvato a Montecitorio con 316 voti a favore, 137 contrari ed un astenuto, passa al Senato.”Sono emozionata e soddisfatta, molto soddisfatta”, così il ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, ha commentato a caldo l’ok arrivato dalla Camera al ddl Buona Scuola. “E’ stato un passaggio parlamentare molto vissuto, con coinvolgimento da parte di tutti, con interventi appassionati, talvolta appassionanti. Anche le opposizioni hanno mostrato una carica emotiva molto forte. Credo si faccia un grande cambio culturale. Il primo articolo riassume quello che abbiamo fatto. Intendiamo offrire una scuola di qualità, aperta e inclusiva. Si conclude una maratona cominciata quasi un anno fa, che è stata, contrariamente a quanto si è voluto dire, anche inusuale per l’ascolto continuo di tutta la società. Al mondo della scuola dico di avere fiducia di essere protagonisti dell’autonomia. Il mondo della scuola capirà che questo ddl fa l’autonomia. Insegnanti, dirigenti scolastici, studenti e chi fa funzionare la scuola devono acquisire fiducia”. Al Senato abbiamo un altro passaggio altrettanto significativo e quindi ovviamente riaffronteremo alcuni punti che sappiamo sono ancora discussi nell’esame al Senato, ha commentato il ministro delle Riforme Maria Elena Boschi sul sì della Camera al ddl sulla scuola. Con il voto di oggi non si chiude la battaglia ma la battaglia continua, dice il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso. Una lettera, firmata da una cinquantina di deputati di Area Riformista, è stata promossa da Roberto Speranza e Gianni Cuperlo per chiedere ai senatori dem “l’impegno del Senato per portare a ulteriori e necessari cambiamenti” alla riforma della scuola che già alla Camera, sostengono i promotori, ha risolto alcuni punti critici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com