Protesta a Terni ex Thyssen: ferito alla testa il sindaco Di Girolamo e un lavoratore

La manifestazione di protesta e il blocco da parte degli opeari della ex Thyssen, ha registrato numerosi tafferugli e nelle ultime ore i disordini fra i operai in protesta e gli agenti si sono intensificati. Due punti alla testa per il primo cittadino, Leopoldo Di Girolamo, che cercava di mediare: “violenza incomprensibile”. Anche l’assessore Malatesta: “indignato, cercavamo di placare gli animi e ci hanno colpito alle spalle”.

Questa mattina si sono verificati doversi tafferugli durante la manifestazione dei dipendenti della  Tk-Ast di Terni ex Thyssen. I lavoratori, infatti, sono ricorsi allo strumento dello sciopero per 4 ore a causa di una  vertenza contro la vendita dell’acciaieria. Il corteo ha sfilato per la  città  e si è fermato sotto la prefettura.  Poi i manifestanti hanno proseguito per la stazione dove hanno occupato i binari. Ed è qui che la tensione è aumentata al punto che è stato necessario l’intervento delle forze dell’ordine.  Durante l’attività di respingimento da parte dei rappresentanti dell’ordine pubblico, attraverso un cordone di uomini a mò di barriera, sono rimasti contusi un lavoratore e il sindaco Leopoldo Di Girolamo, che era arrivato per cercare di mediare. Il primo cittadino ha riportato una ferita non grave alla testa come emerge dalle fonti locali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com