Scintille fra Trump e Macron Comey all’attacco

Dopo l’attacco missilistico in Siria, si aprono le prime crepe nell’alleanza fra il presidente statunitense Trump ed il capo dello Stato francese Macron, dopo una lunga intervista di quest’ultimo in Tv alla quale ha replicato, smentendone alcune affermazioni, l’inquilino della Casa Bianca. Torna invece ad esplodere il caso Comey, dopo che l’ex direttore dell’Fbi licenziato da Trump nel 2017 ha rilasciato una lunga intervista alla Abc definendo il presidente moralmente inadeguato a ricoprire la propria carica e pericoloso e ricattabile, rilanciando le accuse di ostruzione alla giustizia.

‘L’operazione è riuscita sul piano militare, i missili hanno raggiunto gli obiettivi, è stata distrutta la loro capacità di produrre armi chimiche. E da parte loro non c’è stata nessuna vittima’,  queste le prime parole del presidente francese, Emmanuel Macron, nell’intervista di circa 2 ore in diretta tv, cominciata sul tema dei raid in Siria. La decisione di intervenire è stata presa domenica scorsa,  ha aggiunto Macron, 48 ore dopo le prime identificazioni dell’uso di armi chimiche nella Ghuta orientale.

Abbiamo colpito 3 siti di produzione e trattamento di armi chimiche, identificati da mesi, sono stati colpiti: un sito è stato colpito da noi con gli americani e i britannici, il secondo soltanto dagli americani, il terzo solo dai francesi. Siamo intervenuti in modo legittimo nel quadro multilaterale.

Poco dopo la portavoce della Casa Bianca ha precisato che il presidente Trump è stato chiaro affermando che vuole un ritorno a casa delle forze americane in Siria,  e si aspetta che i partner regionali e gli alleati degli Stati Uniti si assumano una maggiore responsabilità sia militare che finanziaria, per mettere in sicurezza la regione.

Nelle stesse ore è tornato a parlare l’ex numero uno dell’Fbi, James Comey, per la prima volta in tv da quando e’ stato licenziato dal tycoon, nel maggio del 2017.Donald Trump è moralmente inadeguato per fare il presidente degli Stati Uniti” e costituisce un pericolo per il Paese perchè non ne incarna i valori fondanti e perchè è ricattabile da parte della Russia, ha dichiarato Comey in una attesissima intervista alla Abc rilasciata per promuovere il suo libro di memorie.

Comey ha sferrato uno degli attacchi più duri che si ricordino verso un presidente in carica. Con un affondo anche sul fronte delle indagini condotte dal procuratore speciale Robert Mueller, quando ha parlato di ostruzione della giustizia da parte di Trump: ‘Certamente c’è qualche prova’, ha affermato. E alla domanda se il riferimento sia a quando il tycoon chiese di porre fine alle indagini sull’ex consigliere alla sicurezza nazionale Michael Flynn, Comey ha risposto: ‘Può darsi’.

E’ un momento pericoloso, ha sostenuto senza mezzi termini, tornando a paragonare Donald Trump a una foresta in fiamme, oltre che a un boss della mafia: ‘Può fare enormi danni, può fare danni ai valori fondanti del nostro Paese come la verità. E non può essere presidente degli Stati Uniti qualcuno che non riflette i nostri valori, quelli in cui credono repubblicani e democratici. Ha poi rincarato la dose definendo Trump  ‘un bugiardo seriale’ e uno che tratta le donne come carne, e sostenendo che sia possibile che Mosca abbia in mano materiale che scotta per ricattare il presidente americano.

L’amministrazione Trump è pronta a colpire Mosca con nuove sanzioni. Lo ha detto l”ambasciatrice Usa all’Onu, Nikki Haley, annunciando misure che potrebbero essere varate già domani. Intervistata da Fox Haley, che accusa la Russia di alimentare le tensioni con gli Usa e di non fare nulla per evitare che il regime di Assad usi armi chimiche, ha ricordato le sanzioni già varate e continuerà a farlo’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com