Schianto ad Avellino, Letta: “Giorno triste”. Napolitano: “Inaccettabile sciagura”

“E’ un giorno triste, non ci sono parole”. E ‘il commento del premier Enrico Letta sullo schianto del bus avvenuto a Monteforte Irpino. Il presidente del Consiglio italiano, in visita in Grecia, in segno di lutto ha annullato una visita privata prevista per oggi all’Acropoli di Atene. Cordoglio é stato espresso anche dal ministro della Giustizia Annamaria Cancellieri, “ci inchiniamo alle vittime”, e dal ministro per la pubblica amministrazione Giampiero D’Alia che ha sottolineato come sia necessario “accertare la verità”. Cordoglio anche dal ministro della Difesa, Mario Mauro.

Napolitano, inaccettabile sciagura – “Questa inaccettabile sciagura richiama tutti, istituzioni e cittadini, ad un più tenace impegno per la sicurezza stradale e impone ogni iniziativa utile a ridurre i fattori di rischio”. E’ quanto ha dichiarato il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano nel messaggio inviato al Presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro. “Profondamente addolorato dal drammatico bilancio dell’incidente stradale verificatosi nella serata di ieri lungo l’autostrada A16, in provincia di Avellino, esprimo sentimenti di commossa ed affettuosa vicinanza al dolore delle famiglie delle vittime e rivolgo ai feriti gli auguri di una pronta guarigione”, scrive Napolitano. “Desidero inoltre manifestare alle comunità colpite, in particolare a quella di Pozzuoli, la partecipe solidarietà dell’intero Paese. Questa inaccettabile sciagura richiama tutti, istituzioni e cittadini, ad un più tenace impegno per la sicurezza stradale e impone ogni iniziativa utile a ridurre i fattori di rischio. Agli interventi di adeguamento e manutenzione delle reti stradali e alle indispensabili attività di controllo e repressione deve affiancarsi una rinnovata consapevolezza di chi guida: il più scrupoloso e responsabile rispetto del codice della strada è essenziale per tutelare noi stessi, i nostri cari e il prossimo”, conclude il capo dello Stato. Lo rende noto un comunicato del Quirinale.

Barroso, profondamente rattristato – Il presidente della Commissione Ue Josè Manuel Barroso esprime ”cordoglio”, per l’incidente dell’autobus precipitato in una scarpata sulla A16. ”Sono profondamente rattristato dalla notizia”, ha scritto Barroso in una lettera, manifestando il suo ”più sentito e sincero cordoglio” e la ”più accorata partecipazione”. ”A nome mio e della Commissione europea – conclude – esprimo la nostra piena solidarietà alle famiglie delle vittime e gli auguri di pronta guarigione ai feriti.

Vescovo, parole inadeguate, ora vicinanza – ”Tutte le parole sono inadeguate. L’unica cosa che serve in questo momento è il silenzio, la preghiera e la condivisione, stare vicino alle persone con gesti concreti, far sentire la nostra solidarietà. Tutto il resto è inutile”. Così il vescovo di Pozzuoli, Gennaro Pascarella che alla camera ardente di Monteforte Irpino (Avellino) ha voluto benedire le salme e assicurare il suo abbraccio ai parenti delle vittime. Pozzuoli ha subito per intera questa tragedia visto che conta 37 vittime su 38.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com