Sardine tra mascherina della cultura e coronavirus…

Il capo e ideologo delle Sardine, Mattia Santori, aveva già avuto modo di dimostrare tutto il suo infantilismo. Ma ora le Sardine, esaltate dalla clacque di giornalisti e politici che li corteggiano, tirano fuori l’ideona anche sul Coronavirus.

E mentre l’Italia, preoccupata, si interroga sulla pericolosità e sulla letalità dell’infezione, loro, le Sardine, estraggono dal cilindro la i

Una boutade? No. Perché le Sardine si spingono anche ad argomentare la questione. Puntando dritte e compatte, come farebbe un vero e proprio banco di sardine, al cuore del problema: non vanno emarginate le persone con tratti somatici asiatici.

Eccola, dunque, la grande idea per sconfiggere il Coronavirus.

“L’antidoto da trovare – concedono, bontà loro – è sicuramente scientifico. Ma noi cerchiamo di portare avanti un antidoto culturale, necessario in questo momento di panico mediatico“.

Di qui l’idea del coordinamento 6000 Sardine della campagna “#Nonfarticontagiare”, lanciata nelle scorse settimane.

Una campagna “contro la #disinformazione”. Che sottolinea come “l’unica mascherina utile è quella della #cultura”.

A distanza di qualche settimana, con le vittime del Coronavirus anche in Italia è ancora valido l’invito?

“E’ sempre più necessario portare avanti questa sensibilizzazione”, sostengono le Sardine.

Per poi ammettere: “la cultura non risolve il problema del Coronavirus. Le istituzioni stanno facendo la loro parte dando consigli e indicazioni importanti che vanno seguiti”.

”Certamente bisogna ascoltare la scienza. – dicono dal movimento che tira la volata al Pd – Ma noi parliamo di discriminazione, attualmente nei confronti di persone dai tratti somatici asiatici. Questo l’Italia non può permetterselo”. Neanche se c’è il rischio di una pandemia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com