Sanremo 2019, all’Ariston Virginia Raffaele

Ecco la Virginia Raffaele che il pubblico aspettava: elegantissima, propone un medley travolgente in cui presta voce e mimica a Malika Ayane, Patty Pravo, Giusy Ferreri, Fiorella Mannoia e, naturalmente, Ornella Vanoni… “però gratis mai più”, conclude, riprendendo il monito dell’artista alla Rai sull’ospitata ‘aggratis’. L’Ariston è in tutto piedi per lei: in prima fila, anche l’amministratore delegato della Rai Fabrizio Salini, il presidente Marcello Foa e la direttrice di Rai1 Teresa De Santis.

Strepitoso numero di Virginia Raffaele sul palco dell’Ariston per la seconda serata: in un monumentale abito di seta rosso fiammante, esaltato da un drappeggio che le sottolinea il punto vita, si presenta in scena per cantare Habanera, dalla Carmen di Bizet, ma poi dimentica le parole. Recupera a fatica il foglio accartocciato con il testo, ma quando si accorge che non è quello dell’opera di Bizet, ma è l’onnipresente passerotto di Baglioni, si esibisce semplicemente fischiando. Da applausi.

Un momento nostalgia sul palco dell’Ariston si trasforma la terza serata in una delle performance più riuscite di Virginia Raffaele. Claudio Bisio mostra un grammofono, recuperato in una soffitta del teatro, e l’attrice canta ‘Mamma’ di Claudio Villa personificando e ‘dando voce’ ai difetti di riproduzione del suono della vecchia puntina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com