Salvini contro Berlusconi: ‘Se il 3% danneggia le famiglie per noi non esiste’

Intervento a ‘gamba tesa’ di Matteo Salvini durante la due giorni – iniziata ieri – di Silvio Berlusconi a Bruxelles. Il Cavaliere ieri ha rassicurato l’Ue sul 3%, oggi Salvini va all’attacco: ‘Il numerino 3  se danneggia le imprese e le famiglie italiane, per noi non esiste”.

Se ci sono regolamenti Ue che danneggiano le famiglie italiane quei regolamenti per il governo Salvini non esistono: come la Bolkestein, la direttiva Banche, puntualizza, citando il ‘punto tre’ del programma del centrodestra.

 ‘L’euro era e resta un esperimento sbagliato che ha danneggiato il lavoro e l’economia italiana. Noi non cambiamo idea. Ci prepariamo a difendere l’interesse nazionale come abbiamo sottoscritto nel programma del centrodestra con la prevalenza della Costituzione sull’ ordinamento Ue’.

Gli italiani, ha spiegato Salvini,  possono scegliere tra il Pd che ha svenduto famiglie ed imprese, il caos del M5s e un centrodestra che ha un programma comune basato sulla revisione dei trattati, sulla prevalenza della Costituzione sul diritto comunitario e sulla tutela in ogni sede dell’interesse italiano. Tra Lega e Fi ci son diverse sensibilità ma la Lega è coerente.

Ma sul programma l’interpretazione di Silvio Berlusconi è completamente diversa. Il leader di Forza Italia, ieri a Bruxelles, ha rassicurato i vertici del Ppe: ‘Abbiamo presentato il nostro programma al Ppe’,   ha detto incontrando Antonio Lopez,  ‘la cosa importante è la nostra volontà di rispettare la regola del 3 per cento del deficit’.

Della Corte Costituzionale nessuno può essere sicuro in partenza, ma la Costituzione parla di progressività dell’imposizione fiscale. E la flat tax ha una certa progressività,  ha Rimarcato Berlusconi a Bruxelle, s rispondendo alla domanda se sia sicuro che la Corte Costituzionale non avrebbe nulla da eccepire in merito alla flat tax: ‘L’articolo 53 della Costituzione stabilisce che in Italia “il sistema tributario è informato a criteri di progressività’.

‘È una gran cosa che Silvio Berlusconi sia a Bruxelles. Abbiamo le stesse idee: avere un’Europa e un’Italia. Non credo che ci sia bisogno di alcuna riabilitazione: è un grande europeo e un grande statista italiano’, ha detto Weber.

‘L’incontro con Berlusconi? Eccellente’, il commento di Juncker, mentre Angela Merkel si è lanciata in un abbraccio con l’ex premier pregiudicato, subito immortalato dai fotografi.

Intanto, proseguendo la sua visita Berlusconi esclude la possibilità di una grande coalizione in caso di assenza di maggioranza dopo il voto del 4 marzo:  ‘Escludo la possibilità di una grande coalizione  non c’è nessuna possibilità che accada, avremo la maggioranza alla Camera e al Senato’.

Un punto, sul quale, è in sintonia con la Lega: ‘Chi vota Lega’,  dice Salvini,  ‘fa una scelta chiara. Noi non siamo disponibili a sostenere governi con il centrosinistra imposti dalla Ue’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com