Sabato 26 ottobre inaugurazione mostra NORDINE SAJOT. OVNI a Casa Vuota a Roma

Sabato 26 ottobre alle ore 18:30 si inaugura a Casa Vuota la mostra “OVNI” dell’artista Nordine Sajot , a cura di Francesco Paolo Del Re e Sabino de Nichilo, nell’ambito delle iniziative di Rome Art Week.

La mostra si potrà visitare fino all’8 dicembre su appuntamento nello spazio espositivo domestico di via Maia 12 a Roma , in zona Quadraro.

Artista parigina operante da anni a Roma, Nordine Sajot presenta al pubblico gli esiti più recenti della sua multiforme produzione, spaziando dalla fotografia al ricamo, ai disegni luminescenti, alle installazioni alimentari fino ad arrivare alle sculture olfattive, la cui profumazione è stata progettata dall’artista insieme a Cristina Murgia di Voglio la Luna fragranze. Il titolo “OVNI” fa riferimento a un brand fittizio inventato dall’artista, intorno al quale si sviluppa un discorso artistico sul consumo, sulle abitudini individuali legate a esso e sui  meccanismi a esso sottesi, a partire da un punto di vista privilegiato: quello della casa, di Casa Vuota.

Nordine Sajot. OVNI

Una mostra cura di Francesco Paolo Del Re e Sabino de Nichilo

Roma, Casa Vuota (via Maia 12, int. 4A)

26 ottobre – 8 dicembre 2019

Inaugurazione: sabato 26 ottobre 2019, ore 18:30

La casa come microcosmo in cui misurare la pervasività dei meccanismi di consumo in cui ciascuno è immerso e la loro influenza sulle abitudini quotidiane, sulla gestione dei corpi e sulla costruzione dell’identità. Una ricerca sulle abitudini sociali, culturali e antropologiche è la traccia che orienta i punti cardinali della mostra “OVNI” di Nordine Sajot a Casa Vuota, a cura di Francesco Paolo Del Re e Sabino de Nichilo. La personale dell’artista parigina, che da tempo vive e lavora a Roma, si inaugura sabato 26 ottobre 2019 alle ore 18:30 nell’ambito delle iniziative di Rome Art Week e si può visitare su appuntamento fino all’8 dicembre negli spazi espositivi di via Maia 12.

“OVNI – scrivono Francesco Paolo Del Re e Sabino de Nichilo – è un brand fittizio inventato da Nordine Sajot: un marchio pubblicitario che si appropria del lettering di una nota marca produttrice di cioccolata per dare vita a un altro prodotto, inesistente eppure assolutamente credibile. Non è un semplice gioco di inversione di elementi grafici quello che l’artista propone, ma un ragionamento visivo sulle regole grammaticali e sintattiche del processo consumistico, che innesca una riflessione sulla mescolanza di desiderio, appagamento del piacere, aspettativa sociale ed esperienza del corpo tra materiale e immateriale”.

È una ricerca multiforme quella dell’artista, che nella mostra di Casa Vuota spazia dalla fotografia al ricamo, ai disegni luminescenti, alle installazioni alimentari fino ad arrivare alle sculture olfattive, la cui profumazione è stata progettata dall’artista insieme a Cristina Murgia di Voglio la Luna fragranze. Il profumo è stato creato appositamente insieme alle sculture in occasione dell’evento.

“Metafora portante del discorso sul consumo condotto da Sajot – proseguono i curatori – è il cibo. Il cibo si pone al centro di una rete di stimoli e di relazioni che collegano i singoli corpi con il corpo sociale. E così, per l’artista, sulla pelle del cibo si incidono i segni di neotribalismi consumistici. Il meccanismo della masticazione si mostra in un inedito aspetto cosmetico e seduttivo. La seduzione della pubblicità si fa volatile e spinge la fruizione artistica verso sensi altri, solitamente non attivati nella visione di una mostra. I centri del consumo collettivo vengono riletti con la sacralità dei luoghi di culto e le azioni quotidiane si cristallizano nella forma di laici ex-voto. Il logo mostra la matrice della sua falsificabilità, superando la necessità di distinguere tra originale e copia, tra falso e vero, insieme al relativismo del sistema di valori che è chiamato a esprimere. Il filo comune che lega tra loro le opere esposte in mostra è una domanda sul ruolo dell’immagine, riflessa come in un gioco di specchi sull’esperienza privata di ciascun consumatore, complice la casa. E l’interrogativo investe dalle fondamenta anche l’idea stessa di arte. Non è una denuncia, quella di Sajot, ma un’appassionata constatazione, un immaginare osservando, che a volte assume i toni dell’ironia e altre volte si carica di una tensione imponderabile, abbracciando gli ossimori senza timore”.

Nordine Sajot è nata a Parigi, vive a Roma. È un’artista pluridisciplinare la cui produzione ha compreso finora fotografie, video, sculture, installazioni, performance e multipli. I suoi lavori sono stati presentati in diverse gallerie, spazi istituzionali e festival, tra cui a Roma al Palazzo delle Esposizioni, alla GAM Galleria d’arte moderna, al MACRO Future, al Museo del Corso, al MLAC Museo Laboratorio di Arte Contemporanea dellʼUniversità La Sapienza e allo Studio Stefania Miscetti, a Torino a Velan Centro d’arte contemporanea, a Napoli alla Notgallery, a Genazzano al CIAC Centro Internazionale per l’Arte Contemporanea di Castello Colonna, a Trevi a Palazzo Lucarini Centro Internazionale per l’Arte Contemporanea, a Milano presso C/O Careof alla Fabbrica del Vapore e alla Fondazione Arnaldo Pomodoro, a Padova all’Ex-Macello, a al Trieste Teatro Miela e alla Galleria LipanjePuntin, a Modena alla Galleria Civica, a Bergamo al Teatro Sociale, a Firenze al QUARTER Centro Produzione Arte e a Prato al Centro Luigi Pecci per l’Arte Contemporanea. Ha esposto in Olanda ad Amsterdam alla Galleria Ron Lang Art, in Grecia ad Atene al Fournos Center for the Art and New Technology e alla 11a Biennale dei giovani artisti dʼEuropa e del Mediterraneo, in Turchia a Istanbul al Contemporary Art Museum, in Canada a Toronto al Goethe-Institut, in Svizzera ad Ascona al Museo dʼArte Moderna Casa Serodine, in Belgio a Bruxelles al Centro dʼArte Contemporanea e in Francia a Saint-Etienne alla Biennale Internazionale di Design Francia e a Parigi alla Galleria EOF. Le sue opere sono state acquisite in collezioni private e pubbliche quali quelle di UNICREDIT Group, AkzoNobelArt Foundation Amsterdam, SEAT Pagine Bianche, Co.Re.Ve Consorzio Recupero Vetri di Milano, Saint-Gobain Vetri, Museo d’Arte Contemporanea Ex-Manifattura Tabacchi di Città Sant’Angelo.

INFORMAZIONI TECNICHE:

TITOLO DELLA MOSTRA: OVNI

AUTORE: Nordine Sajot

A CURA DI: Francesco Paolo Del Re e Sabino de Nichilo

LUOGO: Casa Vuota – Roma, via Maia 12, int. 4A

QUANDO: dal 26 ottobre all’8 dicembre 2019

ORARI: visitabile su appuntamento

VERNISSAGE: sabato 26 ottobre 2019, ore 18:30

INFORMAZIONI: cell. 392.8918793 | email vuotacasa@gmail.com | INGRESSO GRATUITO

SPONSOR TECNICO-ARTISTICO: Voglio la Luna

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com