Rimproverato dalla madre perché fuma. Si suicida un 13enne

Un banale litigio tra madre e figlio. E’ bastato questo a spingere un ragazzino di soli 13 anni al suicidio la notte scorsa a Catania. La donna lo aveva rimproverato dopo averlo sorpreso a fumare. Il 13enne ha così preso la drastica decisione: si è ucciso lanciandosi dal balcone della cucina di casa, un appartamento al terzo piano di un palazzo di via Vecchia Ognina. Inutile la corsa all’ospedale. Il ragazzo è morto al nosocomio Cannizzaro prima dell’alba. Rilievi sono stati eseguiti da carabinieri. La Procura ha disposto la restituzione della salma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com