Reo confesso: “ho ucciso mia moglie”

PERUGIA. Un solo colpo di fucile al basso ventre ha ucciso Raffaella Presta, un avvocato di 40 anni, madre di un bambino di sei anni. L’assassino è stato il marito, reo confesso, Francesco Rosi, 43 anni, di mestiere agente immobiliare. Il movente? Secondo le ipotesi, la molla che avrebbe fatto scattare il raptus omicida: la gelosia.

Erano le 15.30 circa, la famiglia Rosi era in casa, in una villetta di Perugia, situata nella zona tra la stazione di Fontivegge e Madonna Alta, all’angolo tra via Bellocchio e via Pievaiola, al civico 1, pochi istanti ed è avvenuta la tragedia, presente anche il bambino, che non sembrerebbe aver visto la sequenza della scena raccapricciante. L’uomo, telefona al 112, dichiarando: “ho fatto una cosa molto grave a mia moglie, venite”. A nulla è servita, la tempestività dei carabinieri e dell’autombulanza, Raffaella è morta di li a poco. Il tentativo di rianimazione è fallito, proprio nella Giornata internazionale contro la violenza sulle donne.

Il sindaco di Perugia ha dichiarato: “E’ con enorme dolore e sgomento che apprendiamo la notizia dell’uccisione di una giovane donna, colpita nella sua abitazione proprio mentre si celebrava la giornata mondiale contro la violenza sulle donne” – ha concluso – “profonda commozione e vicinanza alle famiglie coinvolte in una tragedia che trascina con sé anche un bambino di sei anni”.

La vita spezzata di Raffaella, una donna, una madre, vittima di un carnefice è l’ennesimo momento di silenzio davanti all’atrocità del male, che lascia un ancor più dolore di quel che sarà della storia del figlio.

Emilia Napolitano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com