Foto Filippo Attili/Palazzo Chigi/LaPresse25-02-2020 Roma, ItaliaPolitica Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, questa mattina presiede presso la sede operativa della Protezione civile una riunione con i Presidenti delle Regioni sull'emergenza coronavirus.DISTRIBUTION FREE OF CHARGE - NOT FOR SALE - Obbligatorio citare la fonte LaPresse/Palazzo Chigi/Filippo Attili

Regioni, quando saranno allentate le misure: annuncio del governo

Gli allentamenti delle misure anti Covid decise nelle varie Regioni d’Italia  potranno essere decisi “a partire dal 15 gennaio” e “solo sulla base della capacità di tenuta durante le vacanza di Natale”. Stando a quanto riportato dal ‘Corriere della Sera’, questo è quanto ha riferito il ministro della Salute Roberto Speranza ai governatori.

Durante la conferenza con le Regioni che precede il Dpcm sull’emergenza  Covid in Italia, il ministro Francesco Boccia ha elencato i punti fermi del prossimo provvedimento: dal coprifuoco alle 22 alla chiusura alle 18 per bar e ristoranti, passando per la conferma della serrata per piscine e palestre.

Ribadito anche lo stop all’attività sciistica: “Il tema non è la pista da sci, ma le relazioni sociali che si sviluppano al contorno dell’attività sciistica”, ha sottolineato il ministro Speranza.

Il nuovo dpcm potrebbe durare almeno fino a domenica 10 gennaio (entrando in vigore venerdì 4 dicembre).

Il governo, infatti, non avrebbe mostrato alcuna volontà di concedere allentamenti nel periodo delle festività.

Polemica su sci e turismo invernale: l’attacco di Crisanti

Proprio sulla polemica sugli impianti sciistici è intervenuto in queste ore Andrea Crisanti.

Il microbiologo ha dichiarato: “Rimango senza parole per il fatto che si parli di sci con 600 morti al giorno. Non è un Paese normale“.

Ancorar Crisanti: “Credo che bisogna riconoscere che ci sono le persone che vivono di turismo. La cosa migliore è rimborsare queste persone, è normale che facciano pressioni, così come le hanno fatte gli industriali per non chiudere la Lombardia, così come i gestori delle discoteche”.

Poi ha chiosato: “Bisogna neutralizzarla questa dinamica, bisogna assicurarli che verranno rimborsati, che verranno ripagati del loro sacrificio”.

Covid, a Torino lo shopping è selvaggio

Anche le immagini dello shopping selvaggio a Torino  nello scorso weekend continuano, intanto, a far discutere.

Nella città piemontese, per questo, si sta valutando il coinvolgimento della vigilanza privata per aumentare i controlli sullo shopping.

Circa Redazione

Riprova

Calabria: Covid, D’Ippolito (M5S) chiede la proroga dei contratti degli infermieri

«Mi appello ai commissari delle aziende del Servizio sanitario affinché proroghino i contratti, in scadenza …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com