Regionali Basilicata. Il centrodestra vince con Bardi. M5S: nuovo crollo

Il centro destra cala il tris. Dopo Sardegna e Abruzzo vince anche le elezioni regionali in Basilicata.

Il generale Vito Bardi con il 41,84% è il nuovo presidente della regione.  Il “farmacista di strada” Carlo Trerotola, candidato dal centro sinistra dopo il passo indietro ‘dovuto’ dell’ex governatore Marcello Pittella, si ferma al 33,27%. Nuova sconfitta per il M5S: Antonio Mattia ha ottenuto il 20,46%. Ultimo Valerio Tramutoli per Basilicata che si ferma al 4,36%.

La Basilicata dopo 24 anni di dominio incontrastato del centro sinistra ora passa al centrodestra.

“Abbiamo scritto la storia: la Basilicata è pronta per il cambiamento. Chiamerò Silvio Berlusconi, Matteo Salvini e Giorgia Meloni per fare una grande festa”, esulta Bardi. “Al primo posto nell’agenda c’è il lavoro – afferma l’ex generale della Guardia di finanza, indicato come candidato da Forza Italia -. I giovani saranno presenti e dovranno avere opportunità in questa terra. Trasparenza, meritocrazia e legalità saranno al centro. La regione è di tutti e io sarà il presidente di tutti”. Una vittoria che ancora una volta porta la firma della Lega di Salvini. Il partito del ministro dell’Interno fa volare la coalizione con il 19,09% dei voti staccando di dieci punti percentuali Fi. “Grazie. La Lega in un anno triplica i voti, vittoria anche in Basilicata! 7 a 0, saluti alla sinistra e ora si cambia l’Europa”, scrive su twitter Matteo Salvini.

Il voto in Basilicata registra l’ennesima debacle del M5S che dimezza i consensi rispetto alle elezioni del 4 marzo scorso. Il candidato pentastellato Antonio Mattia si ferma al 20,46%: alle politiche dello scorso anno il Movimento ottenne il 44% dei voti con otto deputati eletti su 13. Oggi si assiste all’ennesima bocciatura a dimostrazione di tutti i limiti che ha il Movimento che sembra essere solo un brand nazionale ma incapace di attrarre consensi nel voto locale. Resta, comunque, il primo partito nella regione. Un dato evidenziato da Luigi Di Maio via facebook. “Il MoVimento 5 Stelle – commenta Luigi Di Maio su Facebook – è la prima forza politica in Basilicata. Gran parte della stampa parla di “voti dimezzati in un anno” e di “crollo”, ma la verità è che abbiamo battuto tutte le liste, anche quelle con gli impresentabili dentro. Ed è un risultato che conserviamo con grande senso di responsabilità verso il Paese, senza esultanze da stadio. Noi abbiamo un simbolo, una lista. E andiamo avanti così!”. “Considerando il vero tracollo di Pd (che perde ben 16 punti rispetto al 2013) e Forza Italia, se andassimo al voto alle elezioni politiche domani – prosegue Di Maio – potremmo anche rivincere in quella regione, visto che non esisterebbero le miriadi di liste civetta che hanno assorbito centinaia di voti soprattutto nei Comuni di provincia. I giornali sono liberi di scrivere ciò che credono; quel che conta è che il MoVimento, oggi, è più forte di prima in Basilicata: passa dall’8% delle regionali 2013 a oltre il 20% di oggi. E questa non è la nostra storia, è la realtà!”

Dal voto lucano emerge una nuova sconfitta, invece, per il Pd, che si ferma intorno al 9%. L’effetto Nicola Zingaretti, due volte in regione nell’ultima settimana, non ha portato risultati concreti. Assieme alla lista Avanti Basilicata (oltre 10%) dell’ex presidente dem Marcello Pittella si arriva quasi al 20%. L’affluenza è del 53,58%, 6 punti in più del 47,60% del 2013 (quando si votava in due giorni).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com