Redditometro, Di Capua: “Non è crociata contro ricchi”

Redditometro? Non si tratta di una crociata contro la ricchezza. Ad affermarlo è il vicedirettore dell’agenzia delle Entrate, Marco Di Capua che ha giustificato in questo modo la scelta di utilizzare il complesso della spesa come parametro e non solo alcune spese ‘sintomo’ del tenore di vita. “Per questo riteniamo giuste le 100 spese” dello strumento.

“Dicono che il redditometro è scandaloso: forse sono scandalosi i 120 miliardi di evasione fiscale” ha dichiarato Di Capua nel coso di un convegno della scuola superiore di economia e finanze organizzato dai commercialisti di Roma.
“Per il fisco è indifferente l’acquisto di un diamante da 100.000 euro o 100.000 euro di carta igienica”, ha continuato Di Capua sottolineando che “é corretto che il fisco non dia giudizi sul tipo di spesa” . In ogni caso “il contribuente dovrà dimostrare di avere un reddito per supportare quella determinata spesa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com