Ravenna. Maxisequestro di falsa soia biologica

Falsa soia biologica dall’Est Europa venduta in Italia nonostante avesse il doppio degli organismi geneticamente modificati rispetto al limite consentito. Una maxi frode scoperta dalla Guardia di finanza di Ravenna che ha sequestrato oltre 1.700 tonnellate di soia contaminata: 500 tonnellate nel porto di Ravenna, altre 1.200 presso grossisti di diverse città italiane. La soia una volta arrivata a Ravenna era accompagnata da false certificazioni che ne attestavano purezza e qualità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com