Radio Padania incassa i finanziamenti pubblici, Di Maio nella bufera

Nuova bufera su Luigi Di Maio, questa volta al centro delle polemiche per i finanziamenti a Radio Padania. Dopo la crociata del Movimento Cinque Stelle contro l’editoria e dopo i tagli a Radio Radicale, il Mise ha concesso il finanziamento alla nota emittente filo-leghista, una decisione che in molti hanno interpretato come un favore al collega vicepremier Matteo Salvini.

 Lo Stato, stando a quanto riportato da La Repubblica, avrebbe concesso settantamila euro a Radio Padania. È attesa nei prossimi giorni la pubblicazione della graduatoria relativa ai contributi agli emittenti locali, e sembra che l’emittente prima guidata da Salvini, nelle vesti di direttore,  sia destinata a incassare una bella somma. Luigi Di Maio Stando alle indiscrezioni, Radio Padania si sarebbe piazzata al sedicesimo posto nella graduatoria che dovrebbe valergli 70.000 euro, cifra che potrebbe essere implementata dal Fondo per il pluralismo dell’informazione.

 La notizia fa ovviamente discutere per le dichiarazioni venute dal mondo a Cinque Stelle negli ultimi mesi. Con soddisfazione Luigi Di Maio aveva annunciato i tagli all’editoria accusando anche i giornalisti servi dei poteri forti. Molti cittadini hanno sottolineato come Radio Padania, in questi primi mesi di governo gialloverde, difficilmente si sia schierata contro Matteo Salvini, anzi, indicazione del fatto che una politicizzazione sia in qualche modo presente anche nella radio-emblema del Nord Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com