Quirinale, “tre nomi in corsa”: la rivelazione dell’ex premier


Nel 2022 il Parlamento, in seduta comune, voterà il nuovo presidente della Repubblica che succederà a Sergio Mattarella. I nomi fatti per il prossimo inquilino del Quirinale sono diversi, ma secondo un ex presidente del Consiglio sarebbero in corsa essenzialmente in tre. Ecco la rivelazione di Lamberto Dini, nominato premier dopo la caduta del primo governo Berlusconi.

Quirinale, “tre nomi in corsa”: la rivelazione dell’ex premier

Ai microfoni della Stampa, Lamberto Dini – tra le altre cose ex presidente del Consiglio ed ex direttore generale della Banca d’Italia – ha dichiarato che i veri candidati al Quirinale sarebbero essenzialmente tre:

    Mario Draghi

    Marta Cartabia

    Pierferdinando Casini

Il problema principale riguardo all’ipotesi Draghi è un suo successore alla presidenza del Consiglio. Secondo Dini, potrebbe sostituirlo “un ex presidente del Consiglio che attualmente sta a Bruxelles”.

All’identikit corrispondono Silvio Berlusconi e Paolo Gentiloni, ma Dini si riferisce al secondo: “Vanta un’importante esperienza politica e di governo, è un moderato e potrebbe essere una figura accettata da tutti”.

L’alternativa potrebbe essere l’attuale ministro dell’Economia, Daniele Franco: “Avrebbe il vantaggio di essere molto vicino al presidente uscente, anche se non ha i galloni politici che potrebbero avere altri candidati”.

Tornando al futuro del Quirinale, oltre al favorito Draghi ci sarebbero – secondo Dini – anche Cartabia e Casini.

Quirinale, “Draghi presidente con poteri allargati”: l’ultima ipotesi.

Mario Draghi potrebbe “guidare il convoglio dal Quirinale”: cosa significa la frase di Giorgetti e quali sono i precedenti

“Credo che sia destinata a prevalere una personalità di centro – ha spiegato l’ex premier – che ha abbia avuto un’esperienza istituzionale. Draghi, Cartabia e Casini che è stato presidente della Camera, è politico di lungo di corso, una personalità che non divide”.

E su Berlusconi: “Io sarei lieto se diventasse presidente della Repubblica. Guardando la composizione del nostro Parlamento non credo che riuscirebbe a raggiungere il consenso necessario”.

Circa Redazione

Riprova

Guido Crosetto, cofondatore di FdI: ‘Io ministro? Meloni sa cosa fare, è la sfida della vita’

Ha vinto Giorgia Meloni, che grazie al formidabile traino di Fratelli d’Italia,  di cui cui …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com