Quirinale e Salvini: ‘Confronto dopo la manovra’

Prima la manovra, con l’esigenza di abbassare le tasse e tamponare il drammatico caro-bollette, poi il Quirinale. Questa la posizione del segretario della Lega, Matteo Salvini, come fanno sapere dal suo partito, dopo un giro di contatti con i leader delle altre forze politiche.

Agli altri segretari di partito Salvini ha proposto un confronto in vista dell’elezione del Presidente della Repubblica, da organizzare subito dopo l’approvazione della legge di Bilancio, viene spiegato.

Ieri, riepiloga la Lega, Salvini si è confrontato con Silvio Berlusconi e Giorgia Meloni.

Ha visto Giovanni Toti. Ha contattato Giuseppe Conte, Enrico Letta, Matteo Renzi. Si è sentito con i centristi Luigi Brugnaro, Carlo Calenda, Lorenzo Cesa, Maurizio Lupi. Messaggio cordiale  anche con Roberto Speranza. Al momento, aggiungono dalla Lega, i leader non sono entrati nel dettaglio sull’eventuale tavolo, ma c’è la volontà di parlarsi e ragionare. Nelle prossime ore Salvini sentirà altri leader dei partiti con rappresentanze parlamentari meno numerose.

Letta, fanno sapere fonti del Nazareno, si è detto disponibile a parlare con il segretario leghista in vista dell’elezione del nuovo capo dello Stato, come del resto fa con tutti i leader di partito, ma solo dopo l’approvazione della legge di bilancio.

L’elezione del presidente della Repubblica “rischia di essere molto complicata quindi cerchiamo di offrire scene positive e costruttive: faccio appello perché tutti portino il loro contributo, il centrodestra parte con numeri importanti e nessuno a sinistra può sedersi a un tavolo e dire quello no” dice il segretario della Lega Matteo Salvini su Italia 7 Gold. “Letta vuole un’elezione rapida e unitaria? Speriamo – aggiunge – basta che la sinistra non inizi con i veti e i no, e quello non mi piace, quello è sovranista, quello è amico di tizio e di caio, basta che ci sia la voglia di risolvere.  In ottica Quirinale chiamerò tutti i segretari chiedendo un momento di confronto e di condivisione. Mi auguro che tutti accolgano l’invito. Ritengo mio dovere provare a trovare una sintesi comune e la proposta sarà quella di vedersi ed incontrarsi. Sul Colle ribadisco il mio impegno a tenere unito il centrodestra ma ad allargare anche agli altri il dibattito. Oggi chiamerò tutti i segretari  chiedendo un momento di incontro, confronto e condivisione, per evitare di arrivare a metà gennaio con ‘il liberi tutti”.

Circa Redazione

Riprova

ELEZIONI: DAMIANO, “AL PD SERVE UN PROGRAMMA POPOLARE”

“Il PD, a mio avviso, dovrebbe scrivere un “programma popolare”, perché non si tratta di …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com