Quale azione politica in rapporto alle sfide planetarie di clima, migrazioni e guerre?

Sabato  17 giugno alle 9:30, all’Istituto Arrupe in via Franz Lehar, n.6  il secondo workshop di GenerAzioni  P. Gianni Notari: “Dobbiamo essere protagonisti attivi del nostro tempo”

PALERMO – “Le sfide planetarie: clima, migrazioni, guerre. Come il dato geografico condiziona l’azione politica degli Stati e i nostri vissuti?”. A partire da questo tema prosegue il percorso di GenerAzioni in programma per sabato 17 giugno, dalle ore 9:30 alle ore 13:00, presso la sede dell’Istituto Arrupe.

A parlarne, aprendo un confronto con i partecipanti, saranno Giovanni Barbieri, ricercatore presso il Centro di Ricerche in Analisi economica e sviluppo economico internazionale (CRANEC) dell’Università Cattolica di Milano e Pietro Bartolo, medico ed europarlamentare.

“Ormai tutti parlano di geopolitica – afferma p. Gianni Notari, direttore dell’Istituto Arrupe – che non deve diventare, però, solo una parola di moda ma anzi, deve essere in grado di interpellarci profondamente. Quando parliamo di geopolitica la prima consapevolezza è quella che siamo nel giro delle interconnessioni. Alcuni fatti locali hanno, inevitabilmente, una notevole apertura sul globale. Ciò che accade in Ucraina, in Congo o in altre parti del mondo ha forti ripercussioni sulle nostre storie e sui nostri vissuti. Si aprono scenari dove l’orizzonte della fraternità e di un mondo più solidale viene inquinato dallo spettro di divisione e morte della guerra. Questo può essere detto anche per quanto riguarda i flussi migratori e i cambiamenti climatici nel mondo. L’incontro vuole farci uscire, pertanto, da una lettura esclusivamente provinciale degli eventi per riflettere in una prospettiva molto più ampia che ci interpella come cittadini del mondo. Chiaramente, in questo quadro, se la politica non esce da logiche autoreferenziali non potrà mai comprendere il cambiamento e saperlo gestire. Questa si deve mettere prima di tutto in ascolto di ciò che sta accadendo per poi capire come agire. La logica rigida della difesa dei confini non può, per esempio, essere considerata una risposta esauriente ai flussi migratori inarrestabili che nella storia sono sempre esistiti. La domanda di fondo è questa: di fronte alla complessità dei fenomeni dobbiamo rimanere spettatori passivi dei processi o diventare protagonisti attivi di un cambiamento possibile?”

GenerAzioni è un percorso di formazione socio-politica: un cantiere intergenerazionale e interculturale che promuove incontri ed interazioni tra esperienze virtuose presenti nei territori, offrendo percorsi formativi a persone che desiderano generare processi comunitari di cambiamento sociale, politico e culturale.

Circa Redazione

Riprova

La Ong ‘Sea-Watch’ posta parole di odio contro la Meloni: ‘Le auguriamo tutto il male possibile’

I responsabili della Sea Watch, l’organizzazione tedesca dedita al soccorso in mare di migranti, hanno …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com