Progetto Italia News presenta Mariarita Renatti, artista presente all’Artperformingfestival che si terrà a Napoli dal 10 luglio al 7 agosto prossimi

Progetto Italia News, media partner di ‘Arteperformingfestival’,  che si terrà, come è noto, a Napoli,  dal 10 luglio al 7 agosto prossimi, al Castel dell’Ovo,    presenta oggi l’artista Mariarita Renatti  che partecipa con alcuni suoi dipinti  al festival che  si può, come è   noto, idealmente e praticamente, suddividere in tre temi: femminile, madre terra e mediterraneo. Per il ‘femminile’ saranno allestite sale al primo piano,  al secondo piano saranno disponibili il ‘Salone delle Velette’, altri ambienti, oltre a  quattro stanzette dedicate a ‘Madre Terra’ e ‘Mediterraneo’. Per il ‘Mediterraneo’ saranno esposte opere dedicate ai migranti, all’inquinamento ed alla grande cultura. Mariarita Renatti  esporrà le sue opere al primo piano nelle sale dedicate al ‘Femminile’.

 Mariarita Renatti si è diplomata all’istituto d’arte ‘Giorgio De Chirico’  di  Torre Annunziata,  e successivamente all’Accademia delle Belle Arti di Napoli.  Parte dalla pittura ad olio e disegno a carboncino, successivamente passa alla scultura modellando le sue idee attraverso l’argilla. In seguito si appassiona, e si specializza,  con la  tecnica dell’incisione a puntasecca su rame.  Relativamente all’incisione parte da un disegno su carta, magari ricavato da una foto, riproduce la figura, e crea piccoli bozzetti destinati all’incisione. I soggetti  incisi sono prevalentemente donne, traslate dalle immagini di suoi familiari. Mariarita è una disegnatrice straordinaria e  la resa minuziosa dei particolari anatomici,  ed il realismo marcato usato  nell’incisione, fa rinvenire nei suoi ispiratori, per il modo di incidere e di fare arte,   Rembrandt,  Picasso e  Munch, che hanno in comune con lei la sperimentazione della tecnica incisoria.  I segni impressi nell’incisione sono la coagulazione  dei segni della sua anima,  incisi in una irrequietezza interiore che si esprime nell’ esigenza dell’esplorazione, e della reinterpretazione, del femminile.  Mariarita recentemente si esprime utilizzando una tecnica nuova, ma non unica, con l’uso della penna bic su tela, che è divenuto con forza il suo linguaggio artistico. Apparentemente sembra l’espressione di un mondo parallelo, ma non lo è. Le raffigurazioni realizzate sono niente altro che realtà vive  trasformate  in sogni e  valorizzate   con i loro desideri e le loro paure. Rappresentano, queste realtà figurate, la sua concezione artistica: ‘Esistono senso e ragione ad occuparsi d’arte soltanto se si è come un ruscello montano, le cui acque sgorgano incessantemente con uno scrosciare che diviene la voce stessa del loro creatore’. In questo mondo  le pose, gli sguardi e  gli oggetti  prendono forme nuove in realtà immaginarie, poste a centro tra fantasia e realtà.  I fondi scuri colorati con pazienza al ritmo cadenzato  della penna fungono da palcoscenico a persone realmente  esistenti ma trasfigurate. L’autrice utilizza la Bic perché è stata la prima con cui ha iniziato.  Ne usa una quarantina per ogni dipinto e le conserva tutte avendo ben chiara l’idea, senza svelarla, di come utilizzarle. 

Realizzare una tela con questa tecnica richiede un lavoro lungo, che dura dai 15 ai 20 giorni, a causa del fondo realizzato con tratti incrociati.  Mariarita lavora nelle ore notturne, quando il silenzio sposa perfettamente la sua arte,  che è ben coadiuvata da una musica di sottofondo.

Riguardo alla musica voglio ricordare che durante una  manifestazione Mariarita catalizzò l’attenzione del   pubblico con una performance artistica che la vide  impegnata in un disegno dal vivo a mano libera con una musica rock di sottofondo.  La  pittura della Renatti è una pittura forte che si esprime attraverso i segni  monocromatici dove ben interpreta e raffigura luci ed ombre. E’ divinamente perfetta in questo e sembra non avere bisogno del colore per esprimersi. Nonostante questo aspettiamo che si esprima attraverso la cromia dove sicuramente si esprimerà con maestria nei toni e nei mezzi toni.

Roberto Cristiano

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com