Prima notte in carcere per Fiorito

Ha passato la prima notte in cella per Franco Fiorito. Arrestato ieri mattina a Roma per peculato nell’ambito dell’inchiesta sui fondi regionali Pdl. L’ex capogruppo del Pdl alla Regione Lazio è stato rinchiuso nel carcere di Regina Coeli. “Perché il mio assistito non dovrebbe rispondere?”, dice oggi l’avvocato Carlo Taormina, legale dell’ex capogruppo del Pdl al consiglio regionale del Lazio, rispondendo a chi gli chiede se il suo assistito risponderà domani alle domande del gip di Roma Stefano Aprile. “Risponderemo a tutte le domande che saranno fatte dal gip e dopo l’interrogatorio di garanzia presenteremo un’istanza di scarcerazione al Tribunale del riesame”, ha aggiunto l’avvocato che in mattinata si è recato ad incontrare Fiorito nel carcere romano.  Intanto il Pdl cerca una strategia in vista delle politiche del 2013 dopo le ultime tensioni tra ex An e Fi alla luce del caso Fiorito e delle elezioni in Sicilia. Silvio Berlusconi è rientrato a Roma in tarda mattinata, per partecipare stasera, a palazzo Grazioli, ad una riunione dello stato maggiore pidiellino, alla presenza di Angelino Alfano. Prima del vertice potrebbero esserci incontri e contatti preparatori in via dell’Umiltà per fare il punto della situazione sulla riforma elettorale, la leadership di centrodestra e la campagna elettorale. Gli ex di An si sono già visti ieri sera con Alfano, in via dell’Umiltà, insieme ad altri big azzurri del partito.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com