Prescrizione e Bonafede: ‘Porto la riforma del processo in Cdm’

“Il mio impegno è portare la riforma per abbreviare i tempi dei processi al Consiglio dei Ministri. Lì ciascuno si assumerà le sue responsabilità”, ha detto il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede parlando con i giornalisti al termine della cerimonia di inaugurazione dell’anno giudiziario al Consiglio di Stato. Sulla prescrizione – ha detto Bonafede – non mi sono mai sottratto al dibattito, ma i cittadini devono sapere che c’è una maggioranza che lavora. Questo significa stare a un tavolo a scrivere le norme, non urlare e strillare da mattina a sera.

Siamo in maggioranza, invece vedo toni di chi sembra all’opposizione. A volte sembra che i testi glieli scrivano Salvini o Berlusconi”. “Non possono continuare a molestare i cittadini con dichiarazioni che sembrano minacce. La riforma del processo penale é pronta già da qualche mese e sulla riforma c’è l’accordo da parte della maggioranza. Noi dobbiamo dare ai cittadini un processo penale breve e invece continuiamo a parlare di argomenti che stanno bloccando la strategia del governo.

Va all’attacco anche Di Maio: ‘Abbiamo fatto la prescrizione e vogliono cancellarla, abbiamo fatto il reddito di cittadinanza e vogliono un referendum per toglierlo’. Poi assicura la sua presenza alla manifestazione del 15 febbraio che ha nel mirino anche i vitalizi.

Il premier sarebbe molto preoccupato dall’atteggiamento di Bonafede, intransigente, e dalle minacce dei renziani, disposti a votare l’emendamento Costa (Forza Italia) mettendo a forte rischio sfiducia il governo. “Insieme a Salvini sulla prescrizione hanno votato loro, approvando la vergognosa legge Bonafede”, incalza Matteo Renzi. Piccolo dettaglio: ora la Lega ha presentato una proposta di legge quasi identica proprio a quella di Costa: “Ho incontrato una delegazione di avvocati che mi hanno chiesto di sbloccare questa pseudo-riformicchia che solo Bonafede può ritenere utile”. Un’altra bombetta gettata nel campo, già disastrato, dei giallorossi. Per provocare la crisi basta un soffio.

Questa mattina è stato il vicesegretario del Pd ed ex guardasigilli Andrea Orlando a rispondere per primo a Renzi, ribadendo il suo no ad alleanze trasversali in Parlamento che possano ridare la palla a Matteo Salvini. Ospite di Circo Massimo su Radio Capital ha detto: “Noi non vogliamo che si rimetta in gioco Salvini e che si ricostruiscano alleanze trasversali. Possiamo arrivare a una modifica della norma senza dare vantaggi alla destra e la patente di garantismo a chi non la merita”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com