Poste ed Enav in privatizzazione

Il consiglio dei ministri ha approvato, a quanto si apprende da fonti ministeriali, due dl della presidenza del consiglio dei ministri per la determinazione dei criteri di privatizzazione e delle modalità di alienazione della partecipazione detenuta dal Ministero dell’economia e delle finanze nel capitale di Poste e Enav. Il decreto approvato dal governo prevede, per Enav l’offerta pubblica quale percorso prioritario da perseguire, in presenza di un adeguato contesto di mercato. Quale alternativa all’Opv una trattativa diretta, o entrambe congiuntamente. Per Enav si prevede la cessione di una quota che assicuri il mantenimento in capo allo Stato di una quota di controllo assoluto, pari al 51%. Per assicurare la massima flessibilità al Ministero dell’Economia e delle finanze nel processo di vendita, lo schema di decreto prevede che l’operazione potrà essere effettuata anche in più fasi, ricorrendo, anche congiuntamente, a un’offerta pubblica di vendita, e/o a una trattativa diretta da realizzare attraverso procedure competitive e comunque assicurando che non insorgano situazioni di conflitti di interessi. Anche per Enav sono previsti incentivi per i dipendenti in caso di offerta pubblica di vendita. Per  la privatizzazione di Poste Italiane è prevista l’alienazione di una quota della partecipazione non superiore al 40%, disponendo che tale cessione, che potrà essere effettuata anche in più fasi, si realizzi attraverso un’offerta pubblica di vendita rivolta al pubblico dei risparmiatori in Italia, inclusi i dipendenti del Gruppo Poste Italiane, e/o a investitori istituzionali italiani e internazionali. A seguito dei pareri resi dalle Commissioni parlamentari  sono stati definitivamente approvati i due decreti del Presidente del Consiglio, su proposta sua e del Ministro dell’Economia e delle finanze, Pietro Carlo Padoan, che determinano i criteri per la privatizzazione e le modalità di alienazione della partecipazione detenuta dal Ministero dell’economia e delle finanze del capitale di Poste italiane e Enav, rispettivamente fino al 40% e al 49%”. Per quanto riguarda nello specifico Poste  viene regolamentata l’alienazione di una quota della partecipazione non superiore al 40%, disponendo che tale cessione,  che potrà essere effettuata anche in più fasi,  si realizzi attraverso un’offerta pubblica di vendita rivolta al pubblico dei risparmiatori in Italia, inclusi i dipendenti del Gruppo Poste Italiane, e/o a investitori istituzionali italiani e internazionali. Lo schema di decreto, inoltre, prevede che, al fine di favorirne la partecipazione all’offerta, potranno essere previste per i dipendenti del Gruppo Poste Italiane forme di incentivazione.  

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com